Correvano le ore notturne tra il 27 ed il 28 giugno del lontano 1979 e con un cielo stellato e limpido si consumò un avvenimento, certamente memorabile e degno di essere ricordato, che interessò la nostra città e la nostra Università.

Leggi tutto...

La Calabria è una terra tutta particolare degna di studi e riflessioni sul piano sociale ed economico. Una realtà che paga biblici ritardi strutturali, espressione di una "Questione Meridionale" da sempre irrisolta e negli ultimi decenni accantonata dai tanti Governi che si sono succeduti sempre a trazione nordista.

Leggi tutto...

Nel lontanissimo 1982, sono trascorsi quasi 40 anni, il noto sociologo Pino Arlacchi nel libro "Criminalità a Cosenza e in Provincia" edito dal Centro di Ricerca e Documentazione sul fenomeno mafioso dell'Università della Calabria, oggi vergognosamente chiuso nel silenzio di tutti, nel capitolo Gangster e elitè politica " scrisse: "Stiamo assistendo all'ascesa di una nuova schiera di uomini ambiziosi di origini popolari, che non possiedono un elevato livello di istruzione formale.

Leggi tutto...

Si cercava disperatamente un parcheggio fra i pochi disponibili vicino alla Piazza per stare in auto in cinque o sei per ascoltare la musica “in” del tempo, i Deep Purple, i Genesis, gli Who, i Dire Streats, Neil Young, solo per citare alcuni dei mitici gruppi degli anni settanta con la loro musica rivoluzionaria, con la loro musica anticonformista, alimentando con la musica quel grande sogno che era quello di cambiare il mondo, di distruggere tutto, di vivere nelle libertà e di abrogare ogni limite ed ogni remora del tempo.
Leggi tutto...

Editoriale del Direttore (2)