Header Blog Banner (2)

Nell'articolo pubblicato il 26 novembre 2023 da "La Voce Cosentina" si dava la notizia della pubblicazione da parte del CSM dell'apposito fascicolo nel quale vi è l'elenco dei magistrati che hanno presentato la candidatura per l'incarico direttivo di Procuratore Capo della Procura della Repubblica di Cosenza attualmente guidata dal Procuratore Dott. Mario Spagnuolo che a marzo 2024 andrà in pensione per il raggiungimento dei 70 anni di età.

Giovedì 15 febbraio 2024 alle ore 19 a Cosenza, nella Chiesa Santa Croce delle Suore Domenicane (via don Luigi Maletta - salita ex Tribunale - Colle Triglio) su iniziativa dell’Universitas Vivariensis e dal Centro studi calabrese “Cattolici socialità politica”, verrà celebrata una Santa Messa in suffragio di Maria Fida Moro.

In più occasioni esponenti di primo piano della Chiesa hanno esortato i calabresi a non accettare passivamente la legge sull'Autonomia Differenziata che, già approvata al Senato, sarà approvata anche alla Camera prima delle elezioni Europee dell'8 e 9 giugno per come ha richiesto il segretario della Lega, Matteo Salvini.

Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, esprime “grande soddisfazione, per le modifiche al nuovo Piano pandemico nazionale 2024-2028 annunciate ieri dal ministro della Salute, Orazio Schillaci, in Senato”, parla di “una grande conquista civile, ottenuta grazie, come al solito, alla giusta e coraggiosa campagna de La Verità, subito, e come sempre, fortemente sostenuta da Diritti Civili”, e chiede adesso, con un nuovo appello pubblicato oggi (ndr: venerdì) sul quotidiano di Maurizio Belpietro e Massimo De’ Manzoni,  “di completare l’importante opera inserendo, e affrontando, subito, nel nuovo documento pandemico, anche la drammatica emergenza delle morti improvvise e malattie fulminanti, che continua, purtroppo, ad essere, invece, ancora ignorata”.

Fra le numerosissime critiche che si sono riversate sui 45 senatori eletti nelle Regioni del Sud e fra questi anche quelli eletti in Calabria,  Mario Occhiuto di Fi, Tilde Minasi della Lega, Fausto Orsomarso e Ernesto Rapani di Fratelli d'Italia, che hanno  votato a favore dell'Autonomia Differenziata si aggiunge una condanna durissima che certamente non potrà essere ignorata.

Editoriale del Direttore