Francesco Fonti il 5 dicembre del 2012 all'età di 64 anni, ha lasciato la sua vita terrena colpito da un male incurabile. Negli ultimi anni della sua travagliata vita della quale gli ultimi diciotto trascorsi da collaboratore di giustizia più volte aveva asserito che erano in molti coloro che desideravano la sua dipartita.

La nota vicenda delle "Navi dei veleni" è  una "Spy Story" nella quale non manca nessun elemento per la scrittura di una interessante sceneggiatura alla base di un "film" che probabilmente potrebbe avere un buon successo di pubblico, anche perché alla inevitabile parte romanzata si può inserire anche qualche parte che potrebbe far parte di quella realtà che, a volte, supera la più fervida delle fantasie.

Che la Calabria sia stata un crocevia di misteri e di trame è stato sempre risaputo ma che la Calabria sia stata anche la Regione nella quale siano stati intessuti forti legami fra esponenti della strategia della tensione degli anni settanta ed ottanta ed esponenti della criminalità calabrese è un aspetto inquietante sul quale vi sarebbe ancora molto da scrivere, considerando, che, oggi, a tanti anni di distanza, potrebbe essere utile far luce su tanti fatti caratterizzati da tanti interrogativi irrisolti.

Editoriale del Direttore