Header Blog Banner (2)


L'intervista del Direttore di Affaritaliani.it , Angelo maria Perrino, a Luigi Bisignani a "La Piazza 2023"

a cura del giornalista Gabriele Penna

Governo, perchè a Meloni conviene andare a elezioni anticipate. Parla Luigi Bisignani

Elezioni anticipate e governo da rifare. Con Fratelli d’Italia che aumenta i suoi consensi e dimezza gli alleati. Luigi Bisignani, profondo conoscitore dei palazzi, un "manager del potere nascosto", come si legge in Rete (anche se lui non si riconosce in questa definizione), è convinto che alla fine andrà così. Interpellato da affaritaliani.it, Bisignani ha spiegato lo “stato delle cose” all’interno dell’esecutivo e il malessere che corre nei Palazzi del Potere nei confronti della premier Giorgia Meloni allargando il discorso iniziato a La Piazza di Ceglie Messapica, la kermesse organizzata dal direttore Angelo Maria Perrino. Bisignani, tornato primo nelle vendite Amazon con il libro “I potenti al tempo di Giorgia” (Chiarelettere, 224 pp, 16 euro) individua la primavera del 2024 come possibile momento di rottura con gli alleati di governo.


A La Piazza di affaritaliani.it ha detto che a Meloni conviene andare alle elezioni anticipate, ci spieghi meglio

“Ha il governo impallato. Se Meloni non trova nuovo smalto si sfilaccia tutto il rapporto con i suoi ministri. Fare un rimpasto è sempre complicato. La premier ancora ha un grandissimo consenso nel Paese, ma un consenso sempre minore nel Palazzo, che significa tra i partiti, tra i centri di potere, le banche, il Consiglio di Stato, l’Avvocatura dello Stato. Quindi lei per utilizzare questa grande onda che ha nel Paese non può che andare a elezioni anticipate se no rischia di fare la fine di Renzi e di tutti quelli che, per campare un giorno in più, poi vengono travolti”.
 
Luigi Bisignani con il suo libro, primo nelle vendite Amazon
 

E come si arriva a questo punto?

“Lei può rompere sul premierato, sulla Giustizia, sul Pnrr. Le occasioni per rompere una maggioranza sono tantissime”.

E poi?

“Va al Quirinale e si dimette. Senza di lei non ci può essere nessun tipo di maggioranza”.

E Mattarella scioglie le Camere?

“Assolutamente sì. Non può fare un altro governo tecnico”.

Meloni non si presta ad altre maggioranze?

“No”.

È possibile che accada prima delle prossime Europee per poi accorpare Politiche ed elezioni comunitarie?

“Assolutamente sì”.

Com’è il rapporto di Meloni coi suoi ministri?

“Lei ha esautorato il ministro della Difesa (a Guido Crosetto non ha dato la solidarietà sul caso Vannacci), i due vicepremier con il provvedimento sulle Banche non avvisandoli (Matteo Salvini e Antonio Tajani ndr), il ministro degli Interni (Matteo Piantedosi ndr), inserendo il tema dell’immigrazione nel comitato interministeriale presieduto dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio Alfredo Mantovano che non può avere anche questo tipo di responsabilità e il ministro dell’Economia (Giancarlo Giorgetti ndr) che non è stato presente alla conferenza sugli extraprofitti alle banche. Per cui se un presidente del Consiglio sbugiarda i suoi cinque ministri più importanti è chiaro che qualcosa non funziona”.

Solo Meloni ha interesse ad andare a elezioni anticipate?

“Sì. So che è preoccupatissima dal sondaggio che ha fatto Ghisleri dove perde tre punti. Un altro sintomo è aver messo la sorella a capo del partito per fare le liste”.

Un segnale di debolezza?

“Un segnale di debolezza e di arroganza. E ha risvegliato tutta la parte più di destra del partito a cui non piace perdere di vista i veri valori di Fratelli d’Italia”.

Il 25% preso l’anno scorso FdI riuscirebbe a mantenerlo?

“Prenderebbe molto di più. Se lei va a votare nei prossimi 4-5 mesi ha un consenso nel Paese pazzesco anche se non corrisponde a quello del Palazzo. E alla lunga il dissenso nel Palazzo trova forma anche nel Paese”.

C’è chi dice che Draghi è pronto a tornare…

“Non credo. Mattarella deve stare molto attento perché è stato eletto da un Parlamento vecchio e c’è sempre la clava del premierato e delle riforme istituzionali”.

Non forzerebbe la mano, quindi?

“Figuriamoci. È un vecchio democristiano. E tra l’altro prende nei denti il Pd che si sta ancora organizzando e anche Renzi, essendo il più intelligente di tutti, se ha più tempo per costruire il Centro alla fine lo costruisce davvero, per cui non credo che molti di quelli che stanno in FdI possano continuare ad appoggiare Meloni che fa tutto e solo lei, rischia di avere anche una fronda a destra, parlo dei Rampelli e degli Alemanno”.

C’è anche chi fa il nome del commissario europeo Gentiloni con cui Fitto ha un ottimo rapporto, o è fantapolitica?

“No, penso più a un governo Crosetto, Piantedosi o Giorgetti. Un governo di transizione per andare alle elezioni. Lei comunque se ne è accorta (del malessere nel governo ndr) perché quando dice bisogna ‘prendere spunto dalla Formula 1 e accelerare’ si è resa conto anche che deve rilanciare un dialogo con i ministri. Non è che li può trattare tutti a pesci in faccia anche perché la Costituzione dice che la presidente del Consiglio è primus inter pares”.

Ha fatto bene o ha fatto male a non andare a Cernobbio?

“Cernobbio ormai è una passerella stanca e inutile, figlia della Prima Repubblica, di un mondo che non esiste più, anzi, non riesco a capire come riesca a reggere ancora”.

È più importante la presenza al Gran premio di Monza?

“Assolutamente sì. Ma se proprio doveva andare da qualche parte, tolta ‘La Piazza’ di affaritaliani.it a Ceglie Messapica che mi è sembrato uno sgarbo non esserci, doveva andare a DigithOn che è l’unico evento veramente innovativo che c’è in Italia. Se fossi stato Meloni ci sarei andato facendo un bel discorso sull’intelligenza artificiale in quello che è l’unico posto in Italia dove le start up hanno un ruolo”.

L'INTERVISTA DEL DIRETTORE DI AFFARITALIANI.IT ANGELO MARIA PERRINO A LUIGI BISIGNANI A LA PIAZZA 2023
 
 
a cura del giornalista Gabriel Penna
 
Fonte: "affaritaliani.it" del 4 settembre 2023

Non vi è dubbio che oggi si stia vivendo il momento politico nel segno di Giorgia Meloni. Basti accennare alla nuova pubblicazione del giornalista e lobbysta Luigi Bisignani, " I Potenti al tempo di Giorgia" edito da "Chiarelettere" e scritto anche da Paolo Madron. Quel famoso Luigi Bisignani che il compianto Silvio Berlusconi non esitò a definire "l'uomo più potente d'Italia".

Editoriale del Direttore