Il Sindaco di Milano, Beppe Sala, è uscito con il suo libro, intitolato "Società: per azioni" nel quale si parla di sostenibilità (ovviamente) ma molto di più di politica. "E' l'ora del cambiamento: serve un nuovo socialismo. La sinistra deve recuperare un'idea politica di societa'" Lo afferma Sala  in un'intervista al Corriere della Sera per parlare del suo nuovo libro. Sala si chiede anche: "Oggi la sinistra e' in grado di rappresentare il 40 per cento degli italiani, quel che serve per governare?" La risposta che si da' Sala e': "Temo di no". Ed e' per questo che la sinistra "deve cambiare" perche' se un tempo essa " era rappresentanza" e "la destra era appartenenza" oggi invece "la destra rappresenta, magari male, una parte importante della classe lavoratrice". Quindi, per Sala, "dobbiamo capire come fare per rappresentarla noi". E il sindaco e' convinto che "lo spazio e' enorme". Come e' altresi' convinto che "le disuguaglianze sociali aumentano" cosi' come "piu' ricchezza si crea, piu' si alimenta la poverta'" e forse la ricchezza ha proprio "bisogno di aumentare la dimensione della poverta', se vuole crescere e stiparsi in immense concentrazioni". Conscio di appartenere al "sistema", tuttavia il sindaco Sala dice che "non posso e non voglio abbatterlo. Ma posso e voglio cambiarlo. Anche recuperando idee e parole che abbiamo abolito e relegato nel passato", conclude.

Fonte: affaritaliani.it
Fonte Foto Beppe Sala: affaritaliani.it

In tempi di crisi come quella in corso per effetto della pandemia da Covid-19 è giusto rivolgere alcuni interrogativi alla Governatrice Jole Santelli e al consiglio regionale in carica. Assodato che la Regione Calabria come tutte le altre Regioni non si è mai contraddistinta per un uso parsimonioso del denaro pubblico, basti solo accennare alle 80.000 euro l'anno erogati a beneficio dell'associazione ex consiglieri regionali che godendo del deprecato vitalizio potrebbero loro stessi contribuire alle spese dell'associazione, è opportuno chiedere che fine abbiano fatto le due sedi di rappresentanza della Regione Calabria, quella di Milano a Via Broletto, 16 e quella di Bruxelles. La sede di Milano è stata inaugurata il 20 giugno del lontano 2013 mentre quella di Bruxelles fu oggetto di una interpellanza rivolta a Governo regionale nella passata legislatura dall'allora consigliere regionale all'opposizione Gianluca Gallo, oggi in maggioranza e con l'importante incarico di assessore all'agricoltura. Riportiamo quanto affermava l'assessore Gallo nel luglio del 2019. "Le sedi di rappresentazione della Regione – affermava a suo tempo l'On. Gianluca Gallo  – sono da sempre al centro di grande attenzione e polemiche per i loro costi, spesso ritenuti eccessivi in rapporto all’effettiva utilità delle stesse. Se nessuno dubita che a fini istituzionali possa essere opportuno fare affidamento su un ufficio di rappresentanza nel cuore delle istituzioni europee, è invece scandalosa la circostanza per cui quell’ufficio sia chiuso, e certo non da oggi. Già all’indomani dell’inaugurazione, risalente al Settembre 2015  la questione fu sollevata, in considerazione delle spese legate al mantenimento di una sede nel centro di Bruxelles: il solo canone di locazione annuo è pari a circa 50.000 euro. All’epoca, per individuare il personale necessario a rendere operativo l’ufficio, si sollecitò la giunta ad adoperarsi in tal senso. Nel Luglio del 2017 si giunse alla pubblicazione di un avviso pubblico di selezione di 5 consulenti. Ma neppure ciò, evidentemente, si è rivelato sufficiente". Sarebbe interessante sapere quali siano le decisioni che intenderà prendere in proposito l'attuale Governatrice con la sua giunta. Anche per ridimensionare il flusso di sprechi che finora ha caratterizzato l'Ente Regione. 

Redazione

Oggi, 2 Giugno. si festeggia la nascita della Repubblica con la vittoria della Repubblica nel Referendum che si tenne il 2 giugno 1946 dove si poteva votare avendo compiuto i 21 anni e dove, per la prima volta, votarono anche le donne. L'esito nazionale fu la vittoria della Repubblica con il 54,3% mentre la Monarchia prese il 45,7%. Il voto segnò ancora una volta la netta divisione del Paese con il Nord dove la Repubblica prese una valanga di voti ed il Mezzogiorno, dove, invece per effetto del potere del controllo del territorio da parte dei latifondisti prese molti più voti la Monarchia. Inutile ricordare che fra tutte le Regioni italiane quella dove la Monarchia in percentuale prese più voti fu la Calabria dove la Monarchia con 514.633 voti surclassò di molto ( quasi 200.000 voti) la Repubblica che prese solo 337.244 voti. La Monarchia prese oltre il 60%. Inutile dire che la 'ndrangheta terriera del tempo finanziata, protetta ed alleata con il ceto baronale dominante, i cosiddetti proprietari terrieri latifondisti che volevano la Monarchia per continuare a tutelare i loro interessi e mantenere il popolo alla schiavitù da servi della gleba per lavorare nei campi per un tozzo di pane conservando addirittura il diritto alla prima notte del proprietario terriero ad avere il primo rapporto sessuale con la figlia del colono che si sposava per poi esporre il lenzuolo macchiato di sangue dal balcone per dimostrare l'avvenuta perdita della verginità da parte del signorotto che aveva potere di vita e di morte su tutti, fece votare Monarchia e, quindi, la Monarchia stravinse. Fortunatamente in Italia fu il contrario. Anche allora come sempre la 'ndrangheta fu determinante con un popolo sempre asservito ai potenti. Allora come oggi, in Calabria nulla è cambiato e sono trascorsi ben 74 anni. Certamente non vi è più il "diritto alla prima notte" ma rimangono tanti privilegi pi potenti e tante angherie e soprusi per il popolo che, oggi come allora, non era e non è in grado di ribellarsi e drizzare la schiena. Allora per un tozzo di pane, oggi per una falsa promessa che mai si realizzerà.

Redazione

La norma approvata in pochi secondi che consente anche a chi è chiamato ad espletare il ruolo di consigliere regionale ipoteticamente anche per un solo giorno di poter usufruire della contribuzione per il vitalizio ha suscitato, per come era ampiamente prevedibile, grande clamore anche a livello nazionale. E fra i tanti che sono intervenuti oltre a Di Maio e Toninelli del Movimento % Stelle, anche Matteo Salvini, leader della Lega, partito che in Consiglio regionale vanta ben quattro consiglieri. E sembra che l'iniziativa di tale norma sia partita proprio da qualche consigliere leghista. Ovviamente Matteo Salvini ha criticato fortemente la norma ma non ha fatto cenno alcuno al suo gruppo consiliare regionale. E ad intervenire sulla vicenda anche Carlo Tansi, candidato alla Presidenza della Regione Calabria nelle passate elezioni ottenendo oltre 70.000 voti con il 7,5% e che per effetto di una legga scandalosa e palesemente anticostituzionale, liberticida ed antidemocratica, è rimasto fuori dal Consiglio Regionale. "In relazione alla Legge Regionale - afferma Carlo Tansi - che consentirebbe di attribuire il vitalizio a consiglieri regionali rimasti in carica anche per un solo giorno, Il signor Salvini, vero capo occulto della giunta della Regione Calabria, dopo aver saputo della rapidissima approvazione avvenuta in soli 117 secondi, peraltro all’unanimità e senza alcuna discussione, nell’ultimo Consiglio regionale, ne ha ordinato la revoca e, in ottemperanza all'ordine del "Capo", è stato convocato, per il 3 giugno, una riunione del Consiglio per abrogarla. La scandalosa norma, deve essere cassata non perché lo ordina Salvini, ma perché lo hanno richiesto la valanga dei 20.000 Calabresi che, in poco più di un giorno, hanno sottoscritto la petizione promossa da Carlo Tansi. Callipo ed i Partiti del Centrosinistra, anziché limitarsi ad accettare le "patetiche scuse" dei suoi Consiglieri, farebbero bene a chiederne le DIMISSIONI, SUBITO DOPO LA REVOCA DELLA NORMA. Consiglieri che guadagnano 12 mila euro al mese e che approvano leggi senza nemmeno leggerle, o sono ignoranti ed inaffidabili, oppure sono in malafede e con le loro scuse prendono per i fondelli i calabresi".

Redazione

Il parlamentare Europeo della Lega, il giovane Vincenzo Sofo, è intervenuto nella polemica politica scatenata dalla decisione della Grecia di disincentivare gli arrivi degli italiani nella penisola ellenica. “La Grecia ci sta facendo un favore perché non sta disincentivando i greci a venire da noi bensì il contrario. E siccome i flussi di persone che si spostano dall’Italia alla penisola ellenica sono flussi turistici, invece che incazzarci dovremmo ringraziarli perché - in un momento in cui la creazione dei corridoi turistici rischia di sottrarci turismo internazionale facendoci perdere decine di miliardi di euro - grazie a decisioni come quella della Grecia possiamo compensare trattenendo nel nostro paese i turisti italiani.” L'eurodeputato Vincenzo Sofo ha così lanciato una proposta per sfruttare la situazione a vantaggio delle Regioni del Mezzogiorno d'Italia. “Piuttosto che lamentarci, dovremmo attrezzarci per offrire ai nostri italiani che sognavano le bellezze greche un’alternativa altrettanto valida che abbiamo in casa: la nostra Grecia, la Magna Grecia. Attrezziamo il nostro Sud, potenziamone i controlli sanitari e i collegamenti, aiutiamo hotel bar ristoranti lidi musei ecc. a mettersi in condizione di accogliere in sicurezza. E proponiamo agli italiani la scoperta - conclude Vincenzo Sofo - di un patrimonio storico e culturale eccezionale.”

Redazione

 

La norma approvata in sordina che consente anche a chi perde la poltrona di consigliere o chi vi rimane per un periodo molto limitato di poter, attraverso la contribuzione volontaria, usufruire del "famigerato" vitalizio ha destato grandi polemiche soprattutto in considerazione del  triste periodo vissuto da molti calabresi per effetto della crisi economica dovuta al Covid-19. E a tal proposito i consiglieri regionali  hanno ben pensato, sollecitati anche dai loro partiti, di effettuare una clamorosa marcia indietro ammettendo di aver fatto un clamoroso errore. Lega e Forza Italia hanno preparato un testo che cancellerà la norma approvata, mentre il Pd ha chiesto la Presidente del Consiglio, Mimmo Tallini, di eliminare quanto fatto. "Lunedì mattina depositeremo una proposta di legge regionale  - affermano i capigruppo di Lega e Fratelli d'Italia, Tilde Minasi e Filippo Pietropaolo - per ripristinare l’inammissibilità alla contribuzione volontaria del consigliere regionale la cui elezione sia stata annullata. Siamo certi che sulla proposta ci sarà la più ampia convergenza da parte delle forze politiche presenti in Consiglio. La necessità di una tempestiva abrogazione – concludono Pietropaolo e Minasi – nasce da profili giuridici e finanziari che non è stato possibile vagliare preventivamente. La nostra decisione dimostra di avere agito in buona fede e di non avere avuto alcuna volontà di introdurre un privilegio ingiusto ed illegittimo".  Sula questione interviene anche il Pd con una nota a firma dei consiglieri regionali Pd Pd Bevacqua, Guccione, Irto, Notarangelo e Tassone, e quelli di Dp Aieta e Sculco nella quale si afferma che si tratta di "Una tempesta in un bicchier d’acqua. La polemica in atto rispetto alle modifiche apportate dal consiglio regionale alle norme sul trattamento di reversibilità e sulle indennità di fine rapporto è priva di fondamento e merita una chiara puntualizzazione. Innanzitutto, smentiamo categoricamente che si tratti del ripristino dei cosiddetti “vitalizi”, i quali non esistono più già per gli eletti nella passata consiliatura. Non c’è stato nessun tentativo di riportare in vita cose inesistenti: chi lo afferma, forse è male informato. In tutta Italia esiste soltanto il sistema contributivo. La Calabria, pertanto  non ha fatto altro che allinearsi a quanto stabilito nella Conferenza Stato-Regioni del 3 aprile 2019: modificando un semplice comma. L’errore commesso è stato quello di riconoscere, anche a un consigliere dichiarato a posteriori ineleggibile, la possibilità di continuare a versare i contributi fino alla fine della consiliatura di riferimento. Si tratta di un caso che, riguardo agli ultimi 40 anni, potrebbe risultare di interesse per non più di due o tre consiglieri regionali. Ma è comunque sbagliato. E perciò, una delegazione dei rispettivi gruppi, ha avuto oggi un lungo colloquio con il presidente del consiglio regionale, Domenico Tallini, il quale si è impegnato a parlare con le altre forze politiche e a elaborare una proposta di modifica per eliminare questa incongruenza".

Redazione

“Non è pensabile che la prima agenzia di stampa in Italia dal dopoguerra ad oggi, presidio culturale di prim’ordine e veicolo di quella informazione autorevole e “certificata” di cui, oggi come non mai, si avverte la necessità, debba rischiare di subire contraccolpi, non senza conseguenze, a causa del piano di ridimensionamento prospettato dall’azienda”. Lo afferma il Sindaco di Cosenza Mario Occhiuto commentando la vertenza che vede contrapposti i giornalisti dell’agenzia ANSA all’azienda che ha annunciato un ridimensionamento delle redazioni e dei collaboratori. “Esprimo – sottolinea Occhiuto - in questo momento difficile per tutto il sistema dell’informazione nel nostro Paese, la mia solidarietà e quella dell’istituzione che rappresento, a tutti i giornalisti, redattori e collaboratori dell’agenzia ANSA che, anche in una fase delicata e gravosissima come quella dell’emergenza coronavirus, sono stati in prima linea a raccontare i giorni terribili della pandemia, confermando il loro ruolo di strumento informativo irrinunciabile, anche e soprattutto quando si è trattato di supportare, a livello regionale e territoriale, le istituzioni, contribuendo a rilanciare nei loro circuiti l’informazione di pubblica utilità destinata ai cittadini, in una contingenza così particolare e sofferta.  Una storia che va avanti da più di 75 anni – prosegue il Sindaco di Cosenza - non può essere minacciata da decisioni che oltre a minare la stessa sopravvivenza dell’ANSA, relegano ai margini il ruolo dei giornalisti che lavorano, a diverso titolo, nell’agenzia, pensando di potersene privare o di ridimensionarne fortemente l’apporto. Il mio auspicio- ha concluso il Sindaco di Cosenza Mario Occhiuto - è che l’azienda possa rivedere al più presto il suo proposito di tagliare i quadri lavorativi e che la vertenza si sblocchi affinché non venga meno un vero e proprio baluardo di democrazia del quale l’intero Paese e con esso le istituzioni locali non possono fare a meno”.

  • I piu Letti

  • Ultime News

Editoriale del Direttore (2)