Nessuno può impedire che i figli o i vari affini dei politici professionisti non possano anche loro entrare nell'agone politico ma un minimo di decenza vuole che le candidature siano precedute almeno da un periodo di militanza, di interesse per la politica e di presenza sul piano sociale.

Editoriale del Direttore