Utenti connessi

Coronavirus, a Cosenza è allarme, duemila tamponi da processare fermi in frigo

Sanità
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Emergono sempre più pesantemente i limiti di una sanità impreparata, disorganizzata e malgestita con l'avanzare tumultuoso del contagio Covid. Il numero sempre più alto di tamponi eseguiti ha condotto l'unico laboratorio di virologia accreditato che è quello dell'Azienda Ospedaliera che con l'immane sacrificio  di chi vi lavora sottoposti anche addirittura a turni notturni si riesce a giungere a circa 450 tamponi analizzati al giorno. Cifra ovviamente insufficiente. E su tale urgenza interviene la task force dell'Azienda sanitaria provinciale di Cosenza guidata dal dott. Mario Marino. La Regione deve autorizzare nel minor tempo possibile la possibilità di inviare i tamponi anche fuori regione oltre ad identificare un laboratorio "idoneo, secondo le vigenti indicazioni ministeriali e regionali”. Il tutto al “fine di ridurre i tempi di attesa dei referti che, ad oggi, vanno mediamente dai 7 ai 10 giorni“. E ad oggi i tamponi in attesa di essere processati sono circa 2.000. Una cifra altissima che se non processati con urgenza potrebbero pregiudicare il tracciamento ed il tempestivo e conseguente intervento per bloccare i focolai. Inoltre considerata la situazione di emergenza  il direttore del dipartimento Mario Marino ed il responsabile delle Usca Sisto Milito, hanno inoltre richiesto all'Asp di non attendere la comunicazione formale del Dipartimento Tutela della Salute e di iniziare da subito l'invio dei campioni in territorio extraregionale.

Redazione