Utenti connessi

Risultati referendum, in Calabria boom del "si" con il 77,53%, il no al 22,47%

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

In Calabria il si al referendum sul ridimensionamento del numero dei parlamentari giunge ad una percentuale molto più alta di quella nazionale. Infatti mentre a livello nazionale il "si" vince con il 69,87% in Calabria il "si" arriva al 77,53%. In termini numerici sono ben 521.444 i calabresi che nelle urne hanno espresso il loro consenso al taglio vigoroso del numero dei parlamentari. mentre il "no" che a livello nazionale ha raggiunto il 30,13% in Calabria si arresta ad un bassissimo 22,47% (151.138 voti). Quindi alle prossime elezioni parlamentari che si terranno a marzo 2023, scadenza naturale dell'attuale legislatura, la Calabria porterà alla Camera 13 deputati, ben 7 in meno dell'attuale legislatura, e sei senatori, ben 4 in meno. Quindi la rappresentanza parlamentare da 30 passerà a 19. Una riduzione considerevole. Indubbiamente una percentuale così alta di "si" è anche una dimostrazione di come l'antipolitica e la disistima dei calabresi nei confronti della "casta" sia sempre forte e sentita. Più che altrove. Indubbiamente lo scarso feeling fra il popolo calabrese e i "nominati" che dovrebbero teoricamente rappresentare gli interessi dei calabresi in Parlamento è, ancora una volta, confermato dal responso delle urne. Ma la riduzione del numero dei parlamentari non basta. Ora la speranza è che sulla scia dell'esito referendario si possa concretamente rivedere la legge elettorale e porre fine alla triste e fallimentare epoca politica dei "nominati" con una nuova legge elettorale proporzionale con lo sbarramento dal 3 al 5% e con la reintroduzione delle preferenze in modo da ristabilire quel contatto necessario fra elettori ed eletti. La Seconda Repubblica con i "nominati" da quattro o cinque Big che decidono a proprio piacimento la composizione del Parlamento basandosi solo sul criterio della fedeltà e del servilismo ha fatto il suo tempo. I più servili sono sempre per natura i più mediocri. E' tempo di cambiare ed il popolo calabrese vuole cambiare.

Redazione