Subisce una forte battuta d'arresto la crescita della Lega nel Sud. Dopo i grandi risultati ottenuto nelle Europee del 2019 e nonostante le grandi attese i risultati ottenuti dalla lista della Lega nelle elezioni regionali della Puglia vinte da Emiliano ed in Campania vinte da De Luca confermano un netto arretramento. In Puglia la lista della Lega collegata con il candidato Raffaele Fitto ottiene il 9,5% mentre alle Europee raggiunse il 25,3% ed in Campania la Lega collegata con il candidato Stefano Caldoro dal 19,2% ottenuto alle Europee riesce a racimolare uno scarsissimo 4,9%. Un segnale d'allarme per i salviniani che dovrebbero chiedersi il perchè di tali risultati. Evidentemente le classi dirigenti alle quali è stato affidato il partito ha dimostrato grandi limiti ed è riuscita a disperdere il patrimonio di voti raggiunto alle Europee. In molti sono convinti che la fase espansiva della Lega al Sud sia oramai un ricordo e che il vento stia cambiando direzione. E non è detto che anche nelle altre regioni meridionali non possano ripetersi, quando sarà, gli stessi ed identici risultati della Campania e della Puglia considerando le classi dirigenti leghiste che certamente non brillano per iniziative e per fattività. Il segretario della Lega, matteo salvini, che auspicava addirittura la vittoria del centrodestra in tutte le regioni chiamate al voto dovrà invece interrogarsi su come è stata selezionata la classe dirigente leghista nelle regioni del Sud e correre ai ripari. Altrimenti i voti presi al Sud saranno solo un ricordo di un periodo fra l'altro anche molto breve.

Redazione

Editoriale del Direttore