La terribile, antidemocratica e complicatissima legge elettorale in vigore, La Rosatellum, una vera vergogna, ne combina delle belle.

Infatti nel complicatissimo conteggio dei cosiddetti resti nazionali per quel che riguarda gli eletti nei collegi plurinominali alla Camera, conteggio che per la sua casualità è conosciuto con il nomignolo di "Flipper", è stato corretto un conteggio che assegnava un seggio, il secondo della lista uninominale del Pd in Calabria, annullandolo e accreditando il seggio al terzo della lista del Movimento 5 Stelle.

Il tutto tradotto in nomi vuol dire che cade l'elezione della deputata uscente Enza Bruno Bossio, gentile consorte di Nicola Adamo, ex assessore regionale dl Pd e uomo forte del partito in Calabria.

Il seggio passa quindi al Movimento 5 Stelle con il fatto che, essendo esaurito il listino, il seggio spetterebbe al miglior perdente dei 5 collegi uninominali.

Certamente una notizia politica di quelle rilevanti considerando il peso politico della famiglia Adamo nella città di Cosenza. In tal caso anche per la famiglia Adamo come per la potente famiglia Gentile sembrano profilarsi all'orizzonte scenari di tramonto.

Del resto nulla nella vita è eterno. Certamente tutto ciò rende ancora più evidente e più marcata la sconfitta di un Pd che necessita di una nuova fase e di un vero e sostanziale rinnovamento non solo anagrafico ma soprattutto di metodo e di reale partecipazione.

Redazione
 

Editoriale del Direttore