Escluso  il collegio uninominale di Cosenza - Tirreno, che era quello più a rischio, dove si contendono la vittoria per un soffio il deputato uscente, Andrea Gentile, per la coalizione del centrodestra e la deputata uscente Anna Laura Orrico del Movimento 5 Stelle per gli altri sei i giochi sono chiusi.

E per come previsto, sei collegi uninominali sono stati conquistati dal centrodestra che ha vinto facile per l'assurda e folle decisione del centrosinistra di dividersi e regalare l'Italia al centrodestra con la premiership di Giorgia Meloni, che, con il 26,5% di FdI è la leader del centrodestra e la prima donna nella storia Repubblicana a divenire Presidente del Consiglio.

Mantiene rispetto alle previsioni Forza Italia con il suo 8% e con uno strabiliante 16% in Calabria ( il doppio del dato nazionale) che si conferma la inespugnabile roccaforte degli azzurri.

Crolla la Lega con il 9% a livello nazionale e il 6% a livello calabrese.

Con un risultato simile Matteo Salvini dovrebbe dimettersi ma il Capitano, come tutti sanno, non si dimetterà mai. Il Pd in Calabria crolla con un misero 14%.

Nella divisione dei seggi su 19 in totale ben sei andranno a Forza italia che in tutto il Paese ne prenderà una sessantina.

Dalla Calabria il 10% della deputazione azzurra per la gioia dei fratelli Occhiuto e della famiglia Gentile.

Cinque parlamentari a Fratelli d'Italia e due alla Lega. Per la minoranza tre o quattro parlamentari ai 5 Stelle e 2 al Pd.

Redazione


Editoriale del Direttore