"Il preannunciato licenziamento di 189 dipendenti del call center Almaviva merita un intervento del governo nazionale con l'apertura di un tavolo concertativo al ministero dello sviluppo economico".

Lo afferma Simona Loizzo, capogruppo della Lega in consiglio regionale. "L'azienda ha comunicato ai 189 dipendenti il licenziamento - dice Loizzo - e la cassa integrazione  a zero ore a partire dal 7 febbraio. Una decisione che infligge un serio colpo per un settore, quello dei call center, che ha registrato in provincia di Cosenza già numerose perdite dei posti di lavoro". "Almaviva gestisce anche il numero di emergenza sull'emergenza coronavirus  e svolge un'importante funzione. Purtroppo l'azienda sinora si è dimostrata sorda rispetto alle richieste dei lavoratori - conclude la capogruppo in consiglio regionale della Lega, On. Simona Loizzo - e c'è il rischio concreto, imminente, che 189 famiglie rimangano senza sostegno economico. Mi rivolgo al ministro per lo Sviluppo Economico, On. Giancarlo Giorgetti affinché possa aprire il tavolo di discussione e chiedo ai parlamentari di tutti gli schieramenti di impegnarsi per supportare l'azione dei lavoratori".

Redazione

Editoriale del Direttore