Utenti connessi

Longobucco, il leggendario Ayrton Senna e la strabiliante storia della "Moto Parilla"

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Il fatto che si possa collegare il ridente e bellissimo borgo di Longobucco con il leggendario pilota di Formula 1, Ayrton Senna Da Silva può sembrare una vera e propria fake news. Invece è una storia vera, una di quelle storie belle da raccontare anche se difficili da credere. Il legame ed il punto centrale della storia si snoda con la capacità imprenditoriale ed ingegneristica di Giovanni Parrilla, nato a Longobucco il 21 ottobre 1911. Un vero alfiere che ben rappresenta quel genio italico e meridionale capace di grandi imprese. Giovanni Parrilla, giunge a Milano nel 1927 e dopo aver lavorato con la Bosch nel 1946 diviene costruttore ed imprenditore. La sua prima moto è la Sport monoalbero che chiamerà "Moto Parilla" con una sola "r" per motivi fonetici. Nasce una grande casa di produzione motoristica che rimane nella storia di chi ha fatto grande il mondo delle corse. Giovanni Parrilla con i suoi figli, Angelo ed Achille, che lo hanno seguito nella stessa passione, hanno professionalmente collaborato con grandi costruttori come Enzo Ferrari, con grandi piloti come Juan Manuel Fangio, Ascari, Iarno Trully ed il grande ed eterno Ayrton Senna. Nel 1959 dalla capacità costruttiva di Giovanni Parrilla in collaborazione con l'ingegnere Cesare Bossaglia, nasce il primo motore al mondo a valvola rotante per Go-Kart. Motore che commercializzato in America con il nome "Thunderbolt" (in italiano, saetta) ottiene un grande successo. E la grande leggenda dell'automobilismo Ayrton Senna, inizia la sua carriera automobilistica con le gare di Go-Kart alla guida di un "Parilla 100" cominciando nel 1973 a soli 13 anni a Interlagos grazie al primo istruttore Lucio Pascual (detto Tsche), vincendo all'esordio e conquistando nello stesso anno il Campionato Junior. Nel 1977 e nel 1978 vinse il Campionato Sudamericano di categoria e dal 1978 per quattro volte consecutive quello brasiliano. Sbarcato in Italia, a Milano, con i colori della Dap, società fondata da Achille ed Angelo Parrilla, fu protagonista dei campionati mondiali del 1979 e del 1980, sfiorando entrambe le volte il titolo. "I go-kart sono stati - ha affermato più volte Ayrton Senna - la mia migliore scuola. Lì ho imparato tutti i trucchi del mestiere, dai più semplici ai più complessi". Fondamentale quindi per Ayrton Senna fu la sua esperienza da giovanissimo maturata con i Go Kart targati "Parilla". Achille Parrilla, ancora oggi conserva gelosamente il Go Kart con il quale corse ed affinò le sue capacità di pilota un giovanissimo Arton Senna, concedendo ai tanti giornalisti ed appassionati di poterlo vedere. Questo, quindi, il legame fra il mitico Ayrton Senna ed il longobucchese Giovanni Parrilla che con le sue spiccate capacità imprenditoriali fondò la "Moto Parilla", azienda che venna poi portati avanti dai suoi figli. Ed oggi a Longobucco è possibile visitare Il Museo "Giovanni Parrilla" nel fantastico scenario dell'ex convento dei Francescani al centro del paese. Nel Museo sono esposte due magnifiche motociclette, la 175 cc. che nel 1957 ha vinto il giro motociclistico nazionale e la 125 cc. ’Olimpia  presentata nel 1960 come moto leggera da turismo caratterizzata dal motore montato sotto il telaio. Inoltre nel Museo  "G. Parrilla", si possono ammirare alcuni bellissimi e rarissimi esemplari di tricicli d' epoca di fine ' 800. Mentre il simbolo "Moto Parila" che ancora esiste è oggi utilizzato da giovani imprenditori che costruiscono le e-byke elettriche più costose e più belle del mondo, le vere Rolls Royse, delle bici elettriche tanto amate dagli sciecchi di Dubai. E nei programmi futuri uscirà sul mercato mondiale anche la "Moto Parilla" elettrica che sicuramente sarà sulla falsa riga delle già tanto apprezzate E-byke che per i loro prezzi proibitivi sono destinate solo ad una clientela di nababbi sparsi per il Mondo. Continua, quindi, a girare per il mondo il glorioso nome di Giovanni Parrilla, ingegnoso imprenditore nato a Longobucco nei primi del '900.