Lo scempio della sanità calabrese, da sempre gallina dalle uova d'oro della mafia politica collusa con la 'ndrangheta che gestisce la regione, conquista l'attenzione internazionale dei mass - media a livello internazionale.

Memorabile l'articolo pubblicato su "Le Monde", uno dei quotidiani più diffusi in Francia con milioni di copie vendute al giorno e con uno special sulla BCC inglese che conteggia milioni e milioni di telespettatori oltre che in Inghilterra anche negli Stati Uniti e in tante altre nazioni anglofone. Nel reportage Tv della Bbc News, firmato da Mark Lowen, si racconta lo sfascio della sanità in Calabria e si ripropone la battaglia, ovviamente persa, portata avanti con coraggio dal medico e scrittore Santo Gioffrè che, quando fu commissario della sanità all Asp di Reggio Calabria, denunciò il sistema delle fatture pagate più volte, il terrificante sistema del "bilancio orale", un qualcosa che poteva accadere solo in Calabria. L'autore dl reportage sulla BCC ha sottolineato come "il virus abbia messo a nudo il fragile cuore di questo angolo d'Italia sfregiato da due pandemia, quella del virus e quello della 'ndrangheta".

Riportiamo integralmente, tradotto dall'inglese in italiano, il reportage sulla BCC a firma di Mark Lowen:
 
https://www.bbc.com/news/world-europe-55098415

 La Calabria italiana ha due pandemie: Covid e la mafia

Di Mark Lowen

Bbc News, Calabria, Italia

«Fino a mezz'ora fa, 12 dei nostri 18 letti di terapia intensiva Covid erano occupati», dice Demetrio Labate, allacciandosi gli indumenti protettivi. «Ma ora siamo scesi a 11. Abbiamo appena perso un altro paziente – aveva 82 anni». Il medico in terapia intensiva ci regala il nostro quarto strato di guanti chirurgici, controlla che la nostra tuta non lasci esposta parte del nostro corpo e con ciò lo seguiamo nel reparto coronavirus del Grande Ospedale Metropolitano, il più grande ospedale della Calabria. Questa regione dell’estremità meridionale dell’Italia è stata rapidamente dichiarata “zona rossa” all'inizio di novembre, quando il virus ne ha provocato la distruzione. «La seconda ondata ci ha colpito molto più duramente della prima», dice, guidandoci tra i letti dei pazienti in respirazione assistita. «Ci manca il personale – e quelli limitati che abbiamo stanno facendo diversi turni extra». Una delle pazienti di sesso femminile è cosciente, in un casco di ventilazione. Gestisce un breve gesto della mano: un piccolo gesto per sollevare gli animi dei medici esausti.
«Stiamo combattendo come leoni per non chinarci», dice Iole Fantozzi, direttrice dell'ospedale. «Questa ondata era prevedibile perché ci siamo sentiti liberi durante l’estate, quando i casi erano molto bassi e le persone entravano e uscivano dalla Calabria». Se i numeri continuano a salire, sarà un disastro per tutta l’Italia, non solo per noi. L'Italia è stato il primo Paese in Occidente a essere schiacciato dalla pandemia e ne è stata per qualche tempo l'epicentro globale. Con l'ottavo maggior numero di casi al mondo, questo mese è diventato il secondo in Europa a superare i 50.000 decessi. A luglio, quando le infezioni giornaliere sono scese a poco più di 100, si è diffuso un falso senso di sicurezza mentre l'Italia spalancava le porte ai turisti e le restrizioni venivano annullate. Ora ne sta pagando il prezzo, combattendo una seconda ondata letale – e ancora una volta le sue cifre di morte sono tra le più alte d'Europa. Ma a differenza di marzo, quando la pandemia si è concentrata sulla ricca regione settentrionale della Lombardia, la seconda ondata sta colpendo anche il sud impoverito. La Calabria è l’Italia e una delle regioni più povere dell'Europa occidentale. E mentre il suo tasso di infezione e il numero di cure intensive sono inferiori a quelli del nord Italia, il suo fragile sistema sanitario sta cedendo, quindi è stato inserito nella categoria di rischio più elevato.
Perché il Sud soffre
La Calabria è stata lasciata indietro da decenni di cattiva gestione politica e saccheggi da parte della sua mafia, la ‘Ndrangheta, che si è infiltrata nel sistema sanitario. Le bande criminali hanno sequestrato risorse e accumulato ingenti debiti, portando alla chiusura di 18 dei suoi ospedali pubblici e a tagli selvaggi a letti e personale. Solo pochi giorni fa, un importante politico locale è stato arrestato, accusato di riciclaggio di denaro attraverso farmacie controllate dalla ‘Ndrangheta in cambio del sostegno della mafia. La corruzione ha esacerbato i fallimenti politici seriali: due commissari sanitari per la regione sono stati licenziati nell'ultimo mese. Uno è stato licenziato dopo che ha definito inutili le maschere per il viso e ha detto che l'unico modo per prendere il virus era baciare una persona infetta con la lingua per 15 minuti. Altri due candidati nominati dal Governo hanno rifiutato il lavoro. «La Calabria si è trovata senza gli ospedali adeguati per soddisfare anche i requisiti minimi del coronavirus – così l’intero sistema è andato in crisi», dice Santo Gioffrè, un ginecologo che, come capo di un’autorità sanitaria locale, ha denunciato le frodi cinque anni fa – ma dice è stato messo a tacere dalle autorità. Non potevamo pagare i creditori e c’erano conti falsi. Man mano che la mafia si è arricchita, ora non abbiamo ospedali, né sistema sanitario, siamo in emergenza Quell’emergenza sta paralizzando l'economia della Calabria, la designazione della “zona rossa” chiude le imprese per la seconda volta quest'anno.
Mafia e Covid una doppia pandemia
Al ristorante L’A Gourmet di Filippo Cogliandro le sedie sono impilate su tavoli vuoti sotto lampadari di vetro e la cucina è silenziosa. «Un ristorante è come un’orchestra», mi dice, descrivendo i rumori dei cuochi al lavoro e il tintinnio dei piatti. «Ed è molto difficile vederlo muto», aggiunge, con le lacrime agli occhi. Per ora, il mio cuore non può vedere la luce in questa oscurità. Ma ci ribelleremo e sconfiggeremo entrambi.
Per il pluripremiato chef la situazione ha echi di 12 anni fa, quando si rifiutava di pagare i soldi dell'estorsione della ‘Ndrangheta e le minacce della mafia tenevano lontani i clienti. Ma allora ha ricostruito la sua strada e dice che può farlo di nuovo. «La ‘Ndrangheta e il Covid sono entrambe pandemie«, dice, il sole pomeridiano che brilla attraverso le finestre dell’elegante palazzo centenario che ospita il suo ristorante. «Distruggeremo il virus con un vaccino, ma la lotta alla mafia richiederà più tempo». L’Italia sta cominciando ad appiattire nuovamente la curva e il valore “R” – il tasso di riproduzione del virus – è sceso sotto 1 in diverse regioni, compresa la Calabria, che ora è stata spostata da zona rossa ad arancione di conseguenza, consentendo maggiore movimento a livello locale.
Ma in questo angolo d'Italia sfregiato, il virus ha messo a nudo il suo fragile cuore. 
 
Mark Lowen, BBC News, Calabria, Italia. (rrm)

Editoriale del Direttore (2)