Una manifestazione spontanea di cittadine e cittadini, di autentica società civile, non inquinata dalla presenza spregevole di politici e politicanti che oggi parlano di sanità dimenticando con grande ipocrisia di essere partecipi e complici di coloro i quali hanno assassinato la sanità, di coloro i quali con la sanità si sono arricchiti, di coloro i quali attraverso la gestione della sanità hanno alimentato con assunzioni pilotate i voti di scambio con i quali hanno conquistato poltrone e potere. Una manifestazione sincera organizzata da giovani donne e da semplici cittadini stanchi di essere proni ai potenti. Da Piazza Cappello hanno manifestato il loro sconforto per una sanità al disastro, giungendo dinanzi al palazzo del potere politico, l'Asp di Cosenza dove ogni nomina risponde ad una precisa appartenenza politica, dove i clan politici della città esplicano il loro potere da decenni. Dove determinati personaggi politici professionisti hanno costruito le loro immense fortune e non solo economiche. Riportiamo integralmente il comunicato dei promotori dell'iniziativa di protesta pacifica e ordinata:
"Ora basta. La misura è davvero colma.

Assistere inermi e indifferenti a vite, investite dal Covid-19, che si spengono, mentre attendono d’essere salvate e curate da chi di dovere, non è più tollerabile. Dietro ogni posto letto negato, ci sono la criminale superficialità e l’incompetenza di chi avrebbe dovuto potenziare, sin da subito, la nostra rete ospedaliera. Dietro ogni posto letto negato, c’è l’abissale e complice silenzio di una Regione, umiliata e mortificata da decenni di malapolitica, che ha svenduto, a caro prezzo, la sanità pubblica agli avvoltoi di quella privata, sempre pronti a cibarsi dei resti di una carcassa che, di pubblico, purtroppo, ormai non ha più niente.
Assistere inermi e indifferenti a una campagna vaccinale inefficiente e poco trasparente, con i soggetti fragili costretti ad attendere, a sobbarcarsi centinaia di chilometri, a rischiare, giorno dopo giorno, di lasciarci la pelle, non è più tollerabile. Dietro ogni privilegio, c’è la lurida logica del compromesso, del voto di scambio, del nepotismo. Dietro ogni privilegio, ci sono centinaia di cittadine e di cittadini che perdono ogni fiducia nei confronti della politica e rinnegano la rappresentanza.
Assistere inermi e indifferenti allo stremo dei sanitari, all’inesistenza dei servizi basilari, alla mancata riapertura dei tanti ospedali chiusi, non è più tollerabile. Dietro ogni medico che rischia la vita, ogni servizio non garantito, ogni reparto interdetto, ci sono scellerate scelte politiche, lustri di inconcludente commissariamento, false promesse e mancate risposte. Dietro tutto questo, c’è una regione stanca, affamata, annaspante, una regione che rischia di collassare e implodere.
Non possiamo più aspettare. Stiamo vivendo il periodo peggiore, per il nostro territorio, dall’inizio di questa pandemia. Non vogliamo contare altri morti. Le vostre mani, da Speranza a Spirlì, grondano sangue. Ma le nostre, no. Le nostre si stringono. Per rabbia e per solidarietà. La rabbia che vi tormenterà, finché questa terra non tornerà a garantire, a tutte e tutti, il diritto alla salute. La solidarietà nei confronti dei nostri operatori sanitari, vessati da una crisi apparentemente senza fine, quegli operatori che trascorrono infinite ore nel nostro ospedale, massimo presidio pubblico, da difendere con le unghie e con i denti.
Perché senza salute non c’è vita, senza salute non c’è futuro!"

Redazione

Editoriale del Direttore (2)