La stagione estiva si avvicina e fra le centinaia e centinaia di annunci, promesse, rivoluzioni e cambiamenti che hanno caratterizzato finora l'azione di propaganda della Presidenza Occhiuto alla Regione Calabria corroborata da una stampa che ne tesse le lodi un giorno sì e l'altro pure, vi è anche quella del mare pulito.

Ma ad intervenire su tale argomento sollecitando azioni concrete sul fronte della depurazione è addirittura un partito, la Lega, alleato a quello del Governatore Roberto Occhiuto, Forza Italia. Ad intervenire il commissario regionale della Lega, Giacomo Saccomanno."Fra qualche mese inizia la nuova stagione turistica e delle criticità della depurazione e dell’inquinamento marino non si hanno notizie! È vero che in Calabria esiste una assoluta mancanza di un sistema di depurazione adeguato e funzionante. Ma, è anche vero che, a parte qualche iniziativa isolata ed emergenziale, non esiste un piano di interventi programmati. Cosa si vuol fare sulla depurazione? Dobbiamo ancora assistere all’abbandono dei turisti di villaggi e strutture alberghiere per l’inquinamento marino? Forse - afferma il Commissario regionale della Lega - si è ancora in tempo per assumere qualche celere iniziativa per porre, temporaneamente, rimedio alle evidenti criticità del passato. Ma, bisogna agire subito e senza indugio. La Calabria ha bisogno di voltare sollecitamente pagina. I disastri del passato, certamente, non possono risolversi in pochi mesi, ma almeno bisogna cominciare seriamente ad affrontare i problemi ed a tracciare un percorso di rete sostenibile e condiviso", "Abbiamo fiducia nell’azione del presidente Occhiuto - conclude il Commissario della Lega - che finora ha dato risposte positive, ma la stagione estiva è alle porte e gli operatori calabresi meritano risposte concrete per poter affrontare delle sfide che potrebbero compromettere, senza l’attenzione dovuta, un’altra stagione, con perdita di imprese e di occupazione".  

Redazione

Editoriale del Direttore