Sulle tanto discusse difficoltà nelle quali versano le esangui casse dell'amministrazione comunale intervengono i quadri dirigenti di Italia dei Valori, con una nota congiunta del coordinatore regionale, Sen. Avv. Francesco Molinari, del coordinatore provinciale, avv. Antonio Sanvito e del coordinatore cittadino, dott. Giovanni Orrico. "È notizia di questi giorni che il Comune di Cosenza, afflitto da una gravissima situazione debitoria, ereditata dalla passata gestione amministrativa, che ha comportato anche la formale dichiarazione di dissesto, ha rinunciato al cosiddetto “concertone di capodanno”. Queste feste Natalizie saranno, pertanto, all'insegna del risparmio e ciò riguarderà - si legge nella nota dei quadri dirigenti di Italia dei Valori - anche le luminarie e gli altri addobbi natalizi ed, all'uopo, si utilizzeranno le poche rimanenze di magazzino, mentre il resto sarà opera del contributo dei commercianti Bruzi. In Città si discute da tempo sulla reale portata del dissesto, atteso che la Corte dei Conti ha certificato una posizione debitoria pari a circa 300 milioni di euro, mentre le voci di popolo parlano di quasi 500 milioni di euro, in ogni caso il presidente del Consiglio Comunale, Giuseppe Mazzuca, ha convocato, per martedì pv 14, l'assise comunale per discutere, tra l'altro, dei conti comunali e sarà interessante capire se la vox populi confermerà la vox dei". "IDV Calabria, coordinamento provinciale e cittadino, ritiene, in ogni caso, che il dissesto - conclude la nota - di oltre 300 milioni di euro, che ha già comportato quale primaria conseguenza l’aumento al massimo della tassazione, nonché disfunzioni importanti, soprattutto a discapito dei servizi essenziali quali ad esempio gli asili nido, servizi sociali e welfare in generale, sia tale da consigliare tanta prudenza nell'utilizzo, ove vi fosse, di denaro pubblico e che comunque consideri, al momento, le priorità della comunità e per tale motivo comprende in pieno la decisione dell’amministrazione comunale. IDV Calabria, coordinamento provinciale e cittadino, in tal senso, ha in corso lo studio di proposte da sottoporre all’amministrazione comunale per collaborare attivamente e concretamente al risanamento economico della nostra amata Città". 
Redazione

Editoriale del Direttore