Presentazione a Cosenza con il senatore Gaetano Quagliariello, vicepresidente di "Coraggio Italia", dei candidati alle regionali che si terranno il 3 e 4 ottobre per la circoscrizione Nord  ( Cosenza e provincia). La presentazione molto partecipata si è tenuta presso un noto albergo cittadino per poi partecipare al banchetto del partito nella centralissima Corso Mazzini. “Il nostro programma per la crescita della Calabria è immaginato in funzione delle ‘missioni’ del Recovery, la più grande opportunità che abbiamo di fronte. Fra queste, particolarmente importante quella che riguarda le aree interne e che deve vedere il territorio di Cosenza come assoluto protagonista”. Lo ha affermato il senatore Gaetano Quagliariello, vicepresidente nazionale del partito, presentando i candidati di ‘Coraggio Italia’ nella circoscrizione Nord, in un tour di piazze che si concluderà nel pomeriggio a Reggio Calabria. Presenti all’iniziativa di Cosenza, fra gli altri, l’onorevole Francesco Bevilacqua, l’onorevole Gianluca Rospi, il sindaco di Catanzaro Sergio Abramo. Alle elezioni regionali calabresi dei prossimi 3 e 4 ottobre ‘Coraggio Italia’ sostiene il candidato presidente del centrodestra, Roberto Occhiuto. La lista di ‘Coraggio ‘Italia” della Circoscrizione Nord è composta da Giancarlo Chiaradia, Nico De Bartolo, Serafina Falco, Mariolina Fera, Maria Rachele Filicetti, Katia Ianni, Alfredo Iorio, Giuseppe Moro, Nicola Tenuta. “Alla storica frattura fra Nord e Sud - ha affermato Quagliariello - si sovrappone quella tra costa e aree interne, e in un territorio come la Calabria le due problematiche si intrecciano. Serve dunque una ‘strategia per le aree interne’, ricche di risorse naturali ma anche culturali e archeologiche. Il 70 per cento dei comuni della Calabria si trovano nell’entroterra, con borghi storici che da tempo richiedono una rivitalizzazione e che sono simbolo di resilienza. Il post pandemia rappresenta da questo punto di vista un’occasione unica e il compito di ‘Coraggio Italia’ - ha concluso il senatore - è far sì che non vada sprecata”.
Redazione

Editoriale del Direttore (2)