Sono trascorse poche settimane da quando Luigi Brugnaro, Sindaco di Venezia e noto imprenditore, presidente della neonata formazione politica "Coraggio italia", è giunto in Calabria per annunciare la prima sfida elettorale del partito partecipando alla competizione elettorale regionale con una propria lista collegata al candidato Governatore, Roberto Occhiuto, e non solo si è riusciti a presentare la lista regionale in poco tempo ma si registrano sempre più adesioni di grande rilevanza politica. Fra queste la più clamorosa e senz'altro quella del Sindaco di Catanzaro, Sergio Abramo, e non solo per la storia politica e personale dello stesso Abramo. E sull'adesione a "Coraggio Italia, Sergio Abramo ha affermato. "Aderisco con entusiasmo a Coraggio Italia. Ho avuto modo di conoscere personalmente il presidente Luigi Brugnaro, Sindaco di Venezia. Con lui c’è stato subito grande feeling, a partire dal modo di amministrare ed ho deciso di far parte del nuovo partito. Sarò da subito in prima linea per sostenere le liste di Coraggio Italia alle elezioni regionali, per Occhiuto Presidente. Un impegno, nelle prossime settimane, per far conoscere e votare quella che è la vera novità per la Calabria, ma più in generale per l’Italia. Una grande opportunità per tutti i calabresi per partecipare fin da subito alla costruzione di un grande partito nazionale”. “Mi sono subito ritrovato nell’approccio pragmatico e nell’atteggiamento di Brugnaro, tenace e di grande disponibilità. Ha avuto l’umiltà di ascoltare il territorio, non per raccontare i problemi, ma per costruire insieme risposte concrete. Insieme, lavoreremo per far diventare la Calabria diventi un esempio di rilancio nazionale ed europeo – conclude Abramo – Ai tanti sfiduciati dalla politica proponiamo fatti e soluzioni concrete, non le solite promesse. Un sindaco, come me, abituato a stare in prima linea ed in mezzo alla gente. Mi sono ritrovato in quello slogan scelto per la campagna di Coraggio Italia: “Se cresce la Calabria, cresce l’Italia intera”. Abramo, quattro volte Sindaco, è stato a capo del governo cittadino negli anni 1997, 2001, 2012 e 2017, legislatura ancora in corso. Nel 2002 è risultato il candidato più votato d’Italia con il 71,4% dei voti. Un anno dopo le elezioni amministrative è anche arrivato il noto sondaggio sui primi cittadini che lo ha proclamato il sindaco più amato d’Italia. Durante i diversi mandati ha ricoperto varie cariche: presidente Anci Calabria, presidente del Consiglio delle Autonomie locali e, attualmente, presidente Upi Calabria. Nel 2005 ha ricoperto anche la carica di consigliere regionale.
“Benvenuto a Sergio! – commenta Luigi Brugnaro di Coraggio Italia – È riconosciuto da tutti il suo piglio imprenditoriale e la sua capacità amministrativa nella gestione del bilancio comunale, pre-requisito fondamentale per consentire alla macchina burocratica e amministrativa di erogare servizi alla cittadinanza e alle imprese. La sua capacità di tenere i conti in ordine spicca particolarmente in un contesto che vede tanti Enti pubblici in dissesto finanziario. Un benvenuto quindi a Sergio Abramo. Sto girando la Calabria in queste settimane e l’onda “fucsia” sta crescendo”.
Redazione

Editoriale del Direttore (2)