Mentre la Calabria affonda e lentamente invecchia e muore tanti sono i giovani calabresi che, altrove, con il loro talento, le loro capacità ed i loro meriti, arrivano in pochi anni a traguardi impensabili.

Tanti i giovani talenti che se fossero rimasti in Calabria avrebbero solo infoltito la massa di disoccupati e che, magari, sarebbero stati costretti a chiedere qualche favore a personaggi politici incolti, rozzi, criminali e mafiosi. Fortunatamente avendo avuto il coraggio di andarsene gli è stato riconosciuto, in terre diverse dove il merito è ancora un valore, il giusto ruolo che gli compete. Tante le storie. Come quella di Enrico Natalizio, manager ad Abu Dhabi del prestigiosissimo Centro di robotica del Technology Innovation Institute. Enrico Natalizio 44 anni, ingegnere informatico originario di Cosenza, è arrivato ad Abu Dhabi nella primavera del 2020, dopo una lunga esperienza da professore ordinario in Francia e un periodo di lavoro negli Usa. L'ennesimo grande cervello in fuga dalla sua terra d'origine. Inutile dire che quando viveva a Cosenza lottava contro il precariato. Tante le storie. Come quella di Matteo Croce, 36 anni di Rogliano, esperto programmatore che lavora a Milano per la Microsoft di Bill Gates che ha perfezionato il software che ha permesso al drone Ingenuity di sollevarsi sul suolo di Marte. Ebbene sì, fra i "geni" informatici che hanno permesso a Ingenuity di librarsi in volo, c’è anche un "genio", un "cervello" calabrese che ha, nientemeno,trovato la soluzione del rompicapo su cui si erano impigliati gli ingegneri della Nasa. Tante le storie. Come quella di Federico Pace, 28 anni, di Roccella Ionica (Rc) e di Marco Mascaro, 29 anni di San Lucido ( Cs), entrambi ingegneri informatici che lavorano nella prestigiosa equipè dell'azienda americana "On Semiconductor" che ha prodotto le sei speciali telecamere che hanno donato la vista al Rover su Marte.  Le sei telecamere in questione fanno parte dei sistemi Edlcam e Lcam, specificatamente dedicati alle fasi di entrata, discesa, ed atterraggio. E si potrebbe continuare all'infinito, in tutti campi della genialità umana, ingegneri, medici, ricercatori, scienziati, imprenditori e tanto, tanto altro. Migliaia e migliaia le storie di successo di giovani calabresi che nei loro campi e nelle realtà giuste hanno sfondato, hanno dimostrato il loro naturale talento, le loro immense capacità. Oltre cinque milioni i calabresi di prima e seconda generazione nel mondo. oltre due milioni i calabresi  in Italia fuori dalla Calabria, circa 1.600.000 i calabresi rimasti in Calabria. La solita dicotomia calabrese, una terra bellissima, meravigliosa ma senza opportunità, una terra di "Cervelli" di "geni", ma in eterna fuga perchè in Calabria non vi sono le opportunità per esprimere le loro immense potenzialità. Una terra di gioie e dolori, di eterne contraddizioni.

(Foto: Fonte ANSA.it )

Redazione

  • I piu Letti

  • Ultime News

Editoriale del Direttore (2)