Header Blog Banner (2)

Pino Masciari, storico testimone di giustizia dal 1997 in prima linea

"Esprimo tutta la mia solidarietà al Sindaco del Comune di Botricello (CZ), Simone Puccio, per le gravi intimidazioni ricevute e per aver scelto, insieme al Direttore dell’Ufficio Tecnico, Salvatore Aiello, di contrastarle attraverso la denuncia.



L’atto stesso di ricevere un’intimidazione - afferma Pino Masciari, storico testimone di Giustizia,in prima linea sin dal lontano 1997 -  è un gesto distruttivo della libertà personale e lavorativa. La minaccia è un atto vile, tipico della cultura mafiosa a cui non possiamo, non vogliamo e abbiamo il dovere di non soccombere e la denuncia è l’unica arma per porre fine a questa spirale di violenza soffocante". 

 
"Contro la protervia della criminalità organizzata la risposta efficace - continua Pino Masciari -  è solo una: opporsi fermamente dicendo NO alla logica della sopraffazione. Questa è l’unica strada per sgretolare progressivamente il potere della ‘Ndrangheta, costruito sull’arroganza di tenere sotto scacco tutti con la logica della paura. Un’arroganza alla quale non si può cedere e che va combattuta con gesti concreti come quello dell’Amministrazione comunale di Botricello".

"La magistratura sta lavorando alacremente, ma ciò che manca ancora è una risposta collettiva, forte e decisa. Servono le denunce - conclude Pino Masciari - degli amministratori, degli imprenditori, dei commercianti: non parole generiche, ma fatti circostanziati. Questa è l’unica via per non permettere alle mafie di guadagnare ancora di più il governo del territorio. È urgente e necessario uscire dall’ambiguità e rompere il silenzio, in modo corale".
 
Redazione

Editoriale del Direttore