Il neopresidente della Commissione consiliare "Contro il fenomeno della 'ndrangheta, della corruzione e dell'illegalità diffusa", l'On. Pietro Molinaro della Lega, appena insediato da qualche giorno in una nota ha espresso solidarietà al Sindaco di Crosia, Antonio Russo, candidato della Lega nella passata elezione regionale e da qualche giorno primo dei non eletti subito dopo lo stesso Pietro Molinaro, subentrato alla deputata Simona Loizzo che ha optato per il Parlamento.

Quindi una solidarietà anche di partito.

“Esprimo la più ferma e dura condanna - afferma Pietro Molinaro, Presidente Commissione Antindrangheta - per il grave e vile atto, tra l’altro non è la prima volta che accade, che ha colpito il sindaco di Crosia (CS) Antonio Russo. A lui, alla sua famiglia e alla comunità vanno i sentimenti di vicinanza e attiva solidarietà". 

"Quando poi ci si accanisce sulla casa, vengono colpiti i sentimenti intimi di una intera famiglia. 
 
Evidentemente a qualcuno da fastidio la capacità del sindaco di coniugare democrazia, rispetto delle regole e capacità amministrativa. Conosco e apprezzo le sue qualità umane e professionali - continua il Presidente della Commissione Antindrangheta, Pietro Molinaro, che certamente saprà imprimere alla Commissione finora completamente inutile una nuova fase - e per il suo indefesso impegno a servizio delle Istituzioni e dei cittadini".
 
"Questi atti vili e di barbarie che ormai si susseguono verso gli amministratori, sono in allarmante crescita e segnano un pericoloso salto di qualità nelle minacce verso chi mette in campo competenze e valori importanti di buona amministrazione. Chi vuole continuare a fare sporchi interessi sulla pelle di una comunità non deve avere spazio e tregua.
 
I calabresi non intendono cedere il passo - conclude Pietro Molinaro da oggi impegnato in prima linea contro la potente  criminalità calabrese - a questi criminali che agiscono nel buio. I sindaci in particolare in questo momento sono impegnati a realizzare il riscatto civile e socio- economico e culturale e lavorano per garantire legalità e trasparenza. 
 
Gli inquirenti faranno luce su quanto successo ma per intanto siamo con te , caro Antonio per un futuro migliore per Crosia e per la Calabria tutta".

Redazione

Editoriale del Direttore