Il Sindaco di Rende, avv. Marcello Manna, coinvolto nell'inchiesta "Reset" ha risposto alle domande del Gip e attraverso i suoi legali, l'avv. Gian Domenico Caiazza, Presidente nazionale delle camere penali, e l'avv. Nicola Carratelli) ha prodotto una memoria difensiva.

In merito all'interrogatorio gli avvocati difensori hanno emanato un comunicato stampa che pubblichiamo integralmente:

"Il Sindaco di Rende avv. Marcello Manna ha scelto, per doveroso rispetto dell’Autorità Giudiziaria, di non reagire alla incredibile campagna di aggressione mediatica della quale è stato fatto oggetto in questi giorni, prima di rendere l’interrogatorio di garanzia. Oggi l’avv. Manna non si è limitato a protestare la propria assoluta estraneità ad ogni preteso accordo elettorale illecito, ma ha fornito alla Procura ed al GIP documentazione di sue attività amministrative obiettivamente incompatibili con quella infondata ipotesi accusatoria.
 
Ed infatti, gli atti amministrativi inerenti le vicende oggetto di indagine, evidentemente non in possesso degli inquirenti ma oggi depositate, dimostrano senza equivoci come, contrariamente alle congetturali interpretazioni di talune intercettazioni di conversazioni (comunque mai direttamente coinvolgenti la persona dell’avv. Manna), il bando di gara per la gestione del palazzetto dello sport sia stato preceduto, accompagnato e seguito da attività amministrative formali e sostanziali assolutamente legittime e pienamente trasparenti, adottate dai soggetti funzionalmente delegati ad assumerle, nel rigoroso rispetto dei principi di imparzialità, correttezza e buon andamento della Pubblica Amministrazione.
 
Il Sindaco Avv. Manna ha altresì prodotto documentazione attestante come sin dai primi passi del suo mandato egli abbia adottato (doverosamente e legittimamente) atti nei confronti dei soggetti con i quali egli, secondo l’accusa, avrebbe stipulato l’accordo elettorale illecito, privativi in danno di costoro di alcuni benefici loro accordati da precedenti amministrazioni.
 
È stata dunque documentata al Giudice ed all’Ufficio di Procura una attività amministrativa adottata dal Sindaco Manna all’indomani della sua elezione, che vale da sola a smentire insuperabilmente la esistenza di quei presunti, contestati accordi elettorali illeciti. Confidando nel valore inconfutabile della documentazione prodotta e dei chiarimenti pienamente resi oggi al Giudice, la difesa ha formulato istanza di revoca della misura cautelare disposta nei confronti del proprio assistito".
 
Redazione
 

Editoriale del Direttore