Nell'ambito del progetto politico di fusione fra Forza Italia e la Lega fortemente voluto da Silvio Berlusconi e dallo stesso Matteo Salvini che si concretizzerà nel congresso nazionale previsto per la primavera 2022 con la nascita di "Forza Lega" o "Lega Italia" si sperimenteranno prove tecniche di fusione anche nelle prossime elezioni del 3 e 4 ottobre per il rinnovo del consiglio regionale.

Le liste si dovranno presentare entro le ore 12 del 4 settembre, quindi fra un mese esatto e con il caldo agostano sono possibili non solo i colpi di sole ma anche le più incredibili sorprese. Sembra infatti che per quel che riguarda la lista della Lega collegata nel centrodestra alla candidatura a Governatore dell'On. Roberto Occhiuto, per la circoscrizione di Cosenza possa concretizzarsi un accordo fra due probabili candidati, sfruttando per la prima volta il voto di genere, cioè la possibilità di esprimere due preferenze, una al maschile e una al femminile, che non lascerebbe scampo a nessuno. I nomi che circolano sono quelli della dottoressa Simona Loizzo, molto conosciuta in città e da sempre dirigente e militante di Forza Italia, che potrebbe essere abbinata al candidato Pino Gentile, il veterano della Regione Calabria che, a 78 anni, e dopo ben 35 anni alla Regione per ben sette legislature, è pronto a prendersi la rivincita per la mancata elezione del gennaio 2020 nonostante i quasi ottomila voti conquistati. Una prospettiva fino a qualche tempo fa impensabile ma oggi possibile considerata la scelta centrista della Lega di divenire in pratica una nuova Forza Italia con Matteo Salvini già designato quale erede politico di Silvio Berlusconi. Anche se tale scelta tradisce la prima fase di crescita della Lega che al Sud aveva creduto in un progetto politico sovranista e di totale cambiamento senza poter minimamente sospettare che la Lega potesse divenire un giorno il contenitore di tanti personaggi politici in auge da decenni e decenni provenienti da Forza Italia. Una scelta che ha disintegrato e allontanato volutamente i leghisti del Sud della prima ora e che ha trasformato la Lega da una possibile novità in un partito conservatore e pronto ad imbarcare tanti politici professionisti provenienti da decenni di berlusconismo. Se dovesse concretizzarsi la candidatura Gentile - Loizzo è ovvio che per gli altri candidati rimarrebbe solo il ruolo di comparse e di contributo alla lista che potrebbe comunque essere ricompensato da nomine e prebende nell'ambito del sottogoverno regionale per come è sempre stato e per come sempre sarà. Vedremo cosa accadrà. Mancano solo 30 giorni alla presentazione delle liste. Si attendono giorni roventi e non solo dal punto di vista climatico.

Redazione

Editoriale del Direttore (2)