Caro Mario, non sei più con noi. Ma ora sarai nel mondo dei Giusti. Sei stato una persona gentile, buona, avevi belle parole per tutti. Ti ho conosciuto nel 1982, sono trascorsi ben 40 anni, a TeleUno, una delle prime Tv locali dove tu curavi il settore pubblicitario. Eri, in quegli anni socialista come me. Ci siamo frequentati tutti i giorni nella bella esperienza de "La Provincia Cosentina" e "MetroSat". Ci siamo ritrovati anche a Lamezia Terme con Vl7/Cinquestelle, emittente regionale. Ci sentivamo e vedevamo spesso. Ricordo la partecipazione a tante delle tue presentazioni sui tuoi libri che hanno ripercorso la storia dell'informazione a Cosenza ed in Calabria. Sei stato un pioniere con gli inizi a Radio Sartano nei mitici anni '70 delle radio libere e indipendenti. Discutevamo spesso delle luci e delle ombre della comunicazione nella nostra terra e di come sia difficile essere giornalisti liberi in una terra dove il bisogno e la mancanza di una forte struttura economica fosse la causa di un giornalismo debole e troppo spesso legato a filo doppio alla politica. Sono i buoni che vanno via. Spero, un giorno, di ritrovarti per continuare a discutere della nostra passione comune, dell'informazione e del mondo del giornalismo. Conservo con cura i tuoi libri con dedica ai quali tenevi tanto. Riposa in pace, Caro Mario....
 
Gianfranco Bonofiglio
(nella foto una delle tante presentazione del tuo primo libro sull'informazione al Museo del Presente a Rende)

Editoriale del Direttore