Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

La Comunità politica del Movimento cattolico NOI si è candidata alla sindacatura della Città di Cosenza in occasione delle prossime amministrative 2020, lanciando l’iniziativa di una larga alleanza incentrata sui “valori della Costituzione Italiana”. La decisione è stata annunciata nel corso della seconda conferenza tenutasi nella Chiesa di San Francesco di Assisi, nella Città Storica di Cosenza, dedicata all’ascolto della Città, attraverso 16 Delegati che, dopo un 12 mesi di confronto, hanno relazionato e assunto la decisione espressa dal portavoce nazionale protempore Fabio Gallo. 

Relativamente alle preoccupazioni dei parlamentari pentastellati sulla stagione lirica, l’Amministrazione comunale precisa quanto segue. Nessun annullamento: la stagione si terrà nel corso dell’imminente 2019. È pleonastico ma necessario ricordare e spiegare bene a chi legge le motivazioni. L’opera lirica è la produzione artistica più complessa e costosa da realizzare, giacché la spesa supera mediamente i 100mila euro a titolo: se si considera che una stagione, per ritenersi minimamente tale, deve prevederne almeno 3/4 opere, i conti son presto fatti.

"La città di Cosenza sta voltando pagina e per la prima volta una massiccia raccolta di firme costringe il Consiglio comunale a fare i conti con una partecipazione di cittadinanza attiva che va compresa e rispettata condividendone la logica - scrive in una nota la consigliera comunale del Pd Cosenza, Bianca Rende - e bene ha fatto il Consiglio a votare un indirizzo unanime su tale facoltà. Premesso che la metropolitana di superficie è un’opera strategica, che sarebbe limitativo valutare solo per il suo riflesso sul sistema di mobilità cittadino, ma che va invece apprezzata per il suo potenziale collegamento con Rogliano, Paola e Sibari, quale parte di un sistema di mobilità sostenibile regionale che punta a riconnettere nodi strategici oggi lontani e poco integrati funzionalmente, riscontriamo che con i quotidiani annunci di diffide a danno del soggetto finanziatore, la Regione Calabria, è in pratica la terza campagna elettorale che il sindaco prova a giocare sugli umori legati alla sua realizzazione."

“La vicenda della Biblioteca Civica di Cosenza continua a rimanere lontana da una qualsivoglia soluzione. E la peggiore delle notizie è il silenzio che circonda la questione, l’assenza di un dibattito in città sullo storico Istituto di piazza XV Marzo eccezion fatta per il meritorio impegno dell’associazione Civica Amica”. Lo afferma in una nota la portavoce del M5S alla Camera dei deputati Anna Laura Orrico. “E’ trascorso oltre un mese - dice la Orrico - dalle celebrazioni tenutesi per i 120 anni di vita della Civica, cui ho partecipato e anche apprezzato l'impegno di tutti gli attori istituzionali coinvolti e intervenuti per risolvere il problema. Eppure è come se il tempo si fosse cristallizzato. Invece, le lancette scorrono, innanzitutto per i quattro dipendenti che, instancabilmente, continuano ad assicurare la continuità delle attività pur attendendo, mestamente, uno stipendio dal mese di agosto."

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« July 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        

Archivio Articoli