Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Mondo

Almeno 832 morti e centinaia di feriti, ma la sensazione è che alla fine le vittime si conteranno a migliaia. A ventiquattro ore dal doppio disastro che in Indonesia ha colpito la parte centrale dell'isola di Sulawesi, prima con due scosse fortissime di terremoto, di cui la seconda di magnitudo 7.5, e poi con uno tsunami, la devastazione si sta rivelando in tutta la sua entità con il passare delle ore. Al largo sono stati avvistati cadaveri e si teme che in moltissimi possano essere stati trascinati in mare.

Sono salite a 48 le vittime del terremoto di magnitudo 7,5 che ha colpito ieri la parte centrale dell'isola di Sulawesi in un bilancio che appare provvisorio. Lo ha detto in un video il direttore di un ospedale di Palu, la capitale provinciale travolta da uno tsunami, aggiungendo che quella cifra è relativa solo all'Undata Regional Hospital da lui diretto. All'alba i soccorritori si sono trovati davanti alla costa devastata dallo tsunami, con onde alte tre metri, provocato dal sisma che ha travolto due città e diverse strutture.

All'indomani del varo della nota di aggornamento al Def, con il rapporto deficit/pil portato per il 2019 al 2,4%, lontano da quanto concordato dal ministro Tria con l'Europa, non si fa attendere la reazione di Bruxelles. "Se gli italiani continuano a indebitarsi, cosa succede? Il tasso di interesse aumenta, il servizio del debito diventa maggiore. Gli italiani non devono sbagliarsi: ogni euro in più per il debito è un euro in meno per le autostrade, per la scuola, per la giustizia sociale", ha messo in guardia in un'intervista a Bfm Tv e Rmc Info il commissario agli affari Economici Pierre Moscovici.

La regina Paola, madre del re Philippe del Belgio colpita da un ictus durante una visita a Venezia, è rientrata in Belgio in aereo, accompagnata dal marito Alberto. Si sarebbe, comunque, trattato di un disturbo neurologico transitorio: le sue condizioni, già dopo il ricovero notturno, erano state definire "non gravi". La moglie di re Alberto, 81 anni, non in pericolo di vita è stata dimessa dall'ospedale lagunare per fare ritorno a Bruxelles.

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« October 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco