Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Venerdì, 28 Dicembre 2018 16:28

Cosenza, ennesimo scandalo! Negato il penalty della vittoria - Serie B-18^ giornata - COSENZA-SALERNITANA: 0-0

Rate this item
(0 votes)

COSENZA - L’attesissimo derby del Sud tra Cosenza e Salernitana termina a reti bianche. Ma pesa sullo score del match la mancata assegnazione di un penalty sacrosanto ai lupi. Evidente parata in area con le mani da parte di un difensore campano su tiro di Tutino al 51’: rigore netto, tranne per il team arbitrale. Un vero scandalo, l’ennesimo in questo campionato che volge al giro di boa. Un vero peccato perché il Cosenza avrebbe meritato l’intera posta in palio. Ci prova sino al 94’ la pattuglia guidata dal sergente Braglia a far propria la partita ma si chiude sul nulla di fatto. Ai punti avrebbero vinto i silani ai quali, però, manca ancora qualcosa negli ultimi sedici metri. Delude la Salernitana. Nessun intervento straordinario da parte dell’attentissimo Perina. Ottima la prova di tutto il pacchetto arretrato rossoblù, su tutti il puntualissimo Legittimo.

Ennesima prova tutta cuore, grinta e cervello del geometra di centrocampo Palmiero, nonostante le sabbie mobili del “San Vito-Marulla”. Il terreno di gioco si presenta ancora deficitario in diversi punti. Lontani i ricordi di quel manto erboso che ci invidiavano persino in A. Ancora sotto tono il tandem d’attacco Tutino-Maniero. Meglio di loro il subentrato Baclet. L’idolo assoluto della tifoseria rossoblù si ritaglia qualche giocata importante che avrebbe meritato miglior sorte.

L’ultima gara dell’anno termina, dunque, in parità. Ma a vincere sono sempre loro: gli instancabili supporters rossoblù che dedicano un’imponente coreografia al compianto Gigi Marulla, autore del gol che regalò la salvezza ai lupi nello spareggio giocato proprio contro la Salernitana nella stagione 1990/91. Ora Tutino e compagni osserveranno il turno di riposo, prima della lunga sosta del torneo che riprenderà il prossimo 19 gennaio quando al San Vito sarà di scena l’Ascoli, diretta concorrente per la salvezza.

Queste le dichiarazioni del tecnico rossoblù Piero Braglia nel post partita: «Io ho visto qualche occasione a nostro favore, loro non mi hanno dato l’impressione che ci potessero far male. Forse è stata una mia sensazione ma io l’ho vista così. Non era giusto buttare via una partita cercando di vincerla. Abbiamo la nostra filosofia, ci siamo assestati. Questo Cosenza ha una buona base per poter arrivare fino in fondo e tirarsi fuori dai guai rompendo le scatole a tutti. Il campo era abbastanza pesante, non era facile né per noi né per gli altri. Dobbiamo alzare il livello di qualche giocatore, dal quale noi ci aspettiamo molto di più. Con la sosta cercheremo di porre rimedio a queste piccole mancanze. Palmiero è un ragazzo che ogni tanto mi fa incavolare perchè forza le giocate ma ha tutta la mia stima e la mia considerazione, ha grande personalità, è l’unica vera mente di questa squadra e ce lo teniamo ben stretto. Ci mancano 4-5 punti che abbiamo buttato via in questo girone d’andata, non ce la possiamo prendere con nessuno. Saremo ancora più bravi quando giocheremo su campi più asciutti e più adatti alle qualità di questi ragazzi. Non penso al mercato quando lascio a casa qualcuno. Mi aspettavo che giocasse Rosina dal primo minuto, poi Gregucci ha fatto la scelta che riteneva più opportuna. A nome di tutta la squadra dico che abbiamo bisogno di un campo d’allenamento decente, ne risente la qualità del gioco. Sono passati 6 mesi dall’inizio del campionato, chi è di competenza ci metta a disposizione una struttura idonea per poterci allenare. I miei giocatori hanno paura di farsi male e compromettere la loro e la nostra stagione».

Tabellino

COSENZA (3-5-2): Perina, Corsi, Dermaku, Idda, Palmiero, Mungo (63′ Garritano), D’Orazio, Legittimo, Maniero (63′ Baclet), Bruccini, Tutino (78′ Baez)
Panchina: Cerofolini, Saracco, Di Piazza, Perez, Tiritiello, Schetino, Varone, Anastasio, Pascali
All.: Piero Braglia
SALERNITANA (4-3-3): Micai, Pucino, Vitale, Mantovani, Djuric (81′ Bocalon), Gugliotti, Di Tacchio, Akpa-Jean, Migliorini, Andreson (73′ Rosina), Jallow (87′ Anderson)
Panchina: Vannucchi, Vuletich, Casasola, Palumbo, Schiavi, Castiglia, Orlando, Perticone, Mazzarani
All.: Angelo Gregucci
Arbitro: Signor Livio Marinelli di Tivoli
Assistenti: Signor Luigi Lanotte e signor Vincenzo Soricaro di Barletta
Quarto uomo: Signor Eduart Pashuku di Albano Laziale 
Note: Serata fredda, terreno di gioco in mediocri condizioni nonostante la rizollatura di alcune zone. Spettatori 12.623 (10.839 + 1536 abbonati) per un incasso di 150.020 €. Nel settore ospiti presenti 970 tifosi giunti da Salerno. Ammoniti: D’Orazio (C), Jallow (S), Anderson (S), Garritano (C). Angoli: 1-0. Recupero: 1′ p.t. – 4′ s.t.

 

Fabio Di Benedetto

 

 

 

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« December 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco