Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Venerdì, 21 Dicembre 2018 07:40

Mario Occhiuto: "Non bisogna ostacolare chi opera per il bene dei cittadini. La Calabria si può cambiare. Basta cambiare metodo e governanti."

Rate this item
(0 votes)
Mario Occhiuto Mario Occhiuto

"Pensavo alle tante volte che siamo stati ostacolati, non solo nella realizzazione di importanti opere pubbliche ma anche nelle nostre attività volte al miglioramento dei servizi. Se la Regione non avesse bloccato, per esempio, il servizio della Circolare Veloce Cosenza/Rende/Unical per favorire i trasportatori locali, oggi le persone avrebbero potuto spostarsi più facilmente nella città unica, senza bisogno nemmeno del tram di superficie. In un mese avevamo addirittura decuplicato i servizi. Ci sarebbe stato molto meno traffico e inquinamento ambientale, perché sarebbero diminuite di moltissimo le auto in entrata e uscita da Cosenza a Rende e viceversa. Ho denunciato all’epoca pubblicamente la cosa."

E' quanto comunica il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto su Facebook. "E quante volte ci hanno ridotto e ci riducono la fornitura di acqua in modo da metterci in cattiva luce con i cittadini? Non hanno mai rispettato neanche la mia Ordinanza esecutiva che impone loro l’obbligo di fornitura al Comune di 311 l/s. Ho denunciato pubblicamente la cosa, anche alla Procura della Repubblica. Quante volte in passato hanno ridotto e bloccato il conferimento dei rifiuti comunali negli impianti regionali? Non ne parliamo. Per evitare di creare disagi ai cittadini abbiamo dovuto fare ricorso spesso a procedure di emergenza (non sapete quanti “salti mortali”!). Non ci finanziano nessun progetto, niente, se non quello che è strettamente obbligatorio. Non ci trasferiscono mai in tempo i fondi spettanti al Comune di Cosenza, per cercare di provocare difficoltà finanziarie all’Ente. Ancora non ci hanno neanche accreditato sei milioni di euro per il Ponte di Calatrava, che è completato da più di un anno."

"Per Piazza Bilotti non ne parliamo. Prima ci avevano bloccato i lavori attraverso pressioni sul Genio Civile, inventandosi di tutto e di più. Poi alla fine siamo stati gli unici a cui non sono stati riconosciuti i cosiddetti “fondi complementari” aggiuntivi, perché (secondo loro) i lavori non erano terminati. Il paradosso è che la nostra piazza c’è (senza aver beneficiato di fondi complementari) e da tempo è utilizzata dai cittadini. Mentre tutte le altre opere eseguite in comuni diversi che hanno ottenuto i “fondi complementari” non sono ancora oggi funzionali: Rende con il Parco Acquatico (che ancora non è stato neanche inaugurato), la cabinovia di Lorica e l’aeroporto di Scalea (che sono ancora adesso incompleti, sic). Pur di rallentarci non si preoccupano neanche di perdere a favore della Calabria risorse comunitarie che andrebbero rendicontate."

"Non parliamo poi della demolizione dell’ex Jolly e del recupero del Quartiere di Santa Lucia. Ho dovuto inserire questi punti nell’accordo sulla Metro (che interessava fortemente la Regione) pur di far sbloccare le pratiche. Ricordo che sono stato sfiduciato come sindaco, con una manovra di palazzo, per la questione Metro. E ho denunciato pubblicamente la cosa. E ancora: il Parco del Benessere, la viabilità alternativa, la fornitura dei pullman elettrici, i nuovi marciapiedi e le piste ciclabili, l’ovovia, la riqualificazione del tracciato esistente e delle vecchie stazioni su via Popilia, i lavori su Vaglio Lise, la cessione dei capannoni ex Ferrovie. Sono tutte opere comprese nell’accordo e di cui stanno rallentando appositamente le procedure e l’esecuzione, con lo scopo di non consentirci di raggiungere ulteriori obiettivi. Ho più volte denunciato pubblicamente la cosa."

"Invece di cercare di ostacolare chi opera per il bene dei cittadini non sarebbe più utile, se ne fossero capaci, applicarsi alla costruzione di proposte alternative su cui misurarsi politicamente? Il problema purtroppo è che loro non hanno idee e non producono nulla, e quindi hanno il timore che gli altri guadagnino consenso con le opere che portano a termine. La cosa triste è che non si preoccupano minimamente dell’interesse dei cittadini. Anziché lavorare per i cittadini si preoccupano di mantenere il potere, distruggendo gli altri."

 

 

 

 

 

 

 

 

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« November 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco