Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Lunedì, 01 Ottobre 2018 10:09

Milano in ripresa, spread Btp-Bund in lieve calo, nuova prova dei mercati dopo il 'venerdì nero'

Rate this item
(0 votes)

Piazza Affari avanza con il Ftse Mib che guadagna l'1%. Il listino principale è sostenuto dal rialzo dei petroliferi e dalle banche. I mercati sembrano aver archiviato le tensioni di venerdì scorso dopo l'approvazione della nota di aggiornamento al Def. In positivo anche gli altri listini europei con i futures americani in rialzo, dopo l'accordo Usa-Canada-Messico che sostituisce il Nafta. Lo spread tra Btp e Bund è in lieve calo rispetto all'apertura a 270 punti con il rendimento del decennale italiano al 3,19%. Venerdì lo spread aveva chiuso a 267, dopo essere arrivato a sfondare i 280 punti.

L'euro è in netto calo sul dollaro in avvio degli scambi in Europa: la moneta unica europea passa di mano a 1,1585 dollari contro il valore di 1,1612 dopo la chiusura di Wall street venerdì. Contro lo yen l'euro invece si apprezza a 132,03. Nuova prova mercati dopo 'venerdì nero' - Occhi puntati su Piazza Affari e sull'andamento dello spread, dopo le chiusure di quello che è stato un vero e proprio 'venerdì nero'. I 22 miliardi bruciati nell'ultima seduta e il picco ad oltre 280 punti base del differenziale fra Btp italiani e Bund tedeschi, non promettono infatti niente di buono. E tutto da valutare sarà, se dovesse esserci, l'effetto che sui mercati potranno avere le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella che sabato ha invitato all'ordine dei conti pubblici 'scomodando' addirittura la carta costituzionale.

I mercati, si sa, 'vivono di vita propria'. Proprio per questo da prendere in considerazione, più che il dibattito più o meno acceso della politica, sono i timori di chi, sui mercati, ci investe. E che guarda soprattutto alle prossime mosse delle agenzie di rating ed ai livelli dello scontro che l'Italia si troverà ad affrontare con l'Unione Europea sui conti pubblici e sulla prossima Legge di Bilancio.

Tra gli operatori e gli analisti serpeggia infatti più di un dubbio sull'affidabilità delle "stime del governo", che appaiono troppo "ottimistiche su come recuperare le somme per le misure varate". Avere un rapporto "deficit/Pil così alto per un Paese con un debito elevato come l'Italia è pericoloso per la stabilità finanziaria", ha affermato per esempio Vincenzo Longo, market strategist di Ig. E a rincarare la dose è stato l'Osservatorio sui conti pubblici della cattolica di Milano guidato da Carlo Cottarelli secondo il quale il deficit al 2,4% del Pil significa rendere l'Italia più "fragile" e più "esposta al rischio di choc esterni e di oscillazioni dei mercati". Per l'analista di Goldman Sachs Silvia Ardagna inoltre, un eventuale tagli del rating potrebbe scatenare uno "stop improvviso" all'afflusso di capitali verso l'Italia, che così non avrebbe sufficiente domanda per finanziare il suo indebitamento.

Asia chiude in ordine sparso dopo accordo Usa-Canada - Le Borse asiatiche in ordine sparso dopo il recente accordo Usa-Messico-Canada (Usmca), che sostituisce così il Nafta. Chiusi i mercati cinesi per festività. Tokyo (+0,52%) archivia la seduta in rialzo, mantenendosi sui massimi in 27 anni, in scia all'apprezzamento del dollaro sullo yen. La divisa nipponica si assesta ai minimi in 10 mesi e mezzo sul dollaro a quota 113,90, ed è stabile sull'euro poco sopra un valore di 132. A mercati ancora aperti sono in calo Seul (-0,1%) e Mumbai (-0,6%). Fissata per oggi la riunione dell'Eurogruppo mentre sul fronte macroeconomico sono in arrivo numerosi dati. Atteso l'indice Pmi manifatturiero dell'Eurozona, Italia, Francia, Germania e Spagna, Regno Unito e Stati Uniti. Per l'Eurozona e l'Italia attesi anche i dati sulla disoccupazione ad agosto.

 

 

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« June 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco