Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Domenica, 22 Luglio 2018 09:11

Il borgo di Mormanno raccontato dalla guida di Repubblica

Rate this item
(0 votes)

La collana delle guide regionali, diretta da Giuseppe Cerasa, sarà presentata a Castrovillari lunedì 23 luglio alle ore 18.30 presso un noto locale della città del Pollino.

“Un faro sulla montagna”, così si intitola la scheda dedicata a Mormanno, mette in luce le bellezze del borgo da vedere e conoscere, puntando sulle bellezze culturali e storiche, partendo proprio dal faro eretto in ricordo delle vittime della prima guerra mondiale della Regione Calabria, fatto ergere nel 1928 su proposta del presidente della Deputazione provinciale di Cosenza e divenuto simbolo della città.

MORMANNO

A ridosso del confine naturale del Parco Nazionale del Pollino, a 840 metri di altitudine, sorge l’antico borgo di Mormanno, fondato in età longobarda come presidio tra il ducato di Benevento e il territorio soggetto all'impero bizantino. Il vecchio borgo caratterizzato per il suo impianto tipicamente medioevale si presenta al visitatore con vie strette lastricate in pietra, scalette, archi e antichi portali in pietra, che testimoniano i continui ampliamenti subiti dal nucleo originario. All’interno di questo continuo intreccio di angoli suggestivi è possibile ammirare le diverse cappelle votive, i numerosi palazzi signorili in pietra locale e soprattutto le tantissime chiese.

Un paesaggio urbano che attesta la grande sapienza tecnica delle maestranze locali nonché la forte devozione e la cultura degli abitanti segno evidente della geniale industriosità dei mormannesi e della loro diffusa agiatezza economica. Nella località Torretta si trova il Faro Votivo, un importante monumento eretto nel 1928 sullo “sprone” del monte San Michele, a confine fra la Calabria e la Lucania, in onore ai Caduti della Regione Calabria della Grande Guerra. Il 5 dicembre del 1938 il Ministero dell’Aeronautica segnalò il Faro di Mormanno come punto di riferimento per la navigazione aerea.

Oggi il Faro Votivo, oltre ad essere un luogo di interesse storico-artistico e architettonico, è il simbolo di Mormanno: il faro si trova in un punto panoramico, di giorno visibile da qualsiasi angolo del paese mentre di notte svolge la funzione di un autentico faro. La Delegazione FAI del Pollino e il Comitato Pro Mormanno Borgo, impegnati a far conoscere le bellezze di un territorio tra i piú belli e dimenticati del Parco Nazionale del Pollino, hanno adottato il Faro Votivo di Mormanno come simbolo della bellezza, del valore storico, artistico e culturale della Calabria.

 

 

 

 

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« April 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco