Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

          

Mercoledì, 04 Luglio 2018 09:21

Pappaterra, Edo Ronchi, ENEL e le relazioni pericolose

Rate this item
(0 votes)
Domenico Pappaterra Domenico Pappaterra

L’Onorevole Domenico Pappaterra, Presidente del Parco Nazionale del Pollino, è anche Presidente dell’Osservatorio Ambientale deputato a studiare le ricadute della centrale del Mercure. L’Osservatorio funziona con i soldi dell’ENEL (100.000 euro l’anno) ed è governato dai Rappresentanti di Enti e Istituzioni che ricevono da ENEL un totale di oltre 17 milioni di euro, a “compensazione” dell’attività della centrale. La sua sede è stata ubicata nella sede dell’Ente Parco, a Castrovillari. Quasi una fisica rappresentazione dello strabordante potere dell’Azienda elettrica.

Per fare i suoi studi l’Osservatorio si dovrebbe avvalere di studiosi ed esperti indipendenti, per ovvia garanzia di imparzialità, vista la durissima vertenza che contrappone Istituzioni, popolazioni e Associazioni ambientaliste ad ENEL e che va avanti da oltre 15 anni. La Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, presieduta da Edo Ronchi, è stata incaricata di effettuare uno studio sulle ricadute della centrale ed ha prodotto una relazione - presentata il 28 giugno scorso nella sede del Parco di Castrovillari - di una non condivisibile indeterminatezza scientifica.

Ma non è questo il punto. Il punto è che la Fondazione in parola a cui l’Osservatorio presieduto da Pappaterra, Presidente del Parco e Presidente dell’Osservatorio, ha affidato l’incarico, annovera ENEL addirittura tra i suoi Soci Fondatori. E’ davvero la goccia che fa traboccare il vaso! Controllati e controllori appassionatamente insieme. Il Presidente Pappaterra a parole può reclamare tutta la correttezza ma i fatti lo smentiscono clamorosamente.

Ultimi episodi di una vertenza che mentre ha visto il Direttore dell’Ente Parco, Formica, difendere diritti e interessi del territorio e delle sue popolazioni, ha anche visto il Presidente dello stesso Ente, Pappaterra, troppe volte contrario agli stessi interessi e a supporto delle ragioni predatorie e speculative di ENEL, assolutamente confliggenti con la stessa “mission” dell’Ente Parco Nazionale del Pollino che meriterebbe, con ogni evidenza, un Presidente ben diversamente motivato. Un presidente al servizio del Parco e dei cittadini e non, come avviene con tutta evidenza, il contrario.

Forum Ambientalista Nazionale, Avv. Marcello Nardi

 

 

SEGUI LA DIRETTA TV DI CALABRIA NEWS 24

« August 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  

Archivio Articoli

La Calabria vista da... Mario Greco