Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Lunedì, 24 Febbraio 2020
itenfrdees

L'Angolo della Memoria

In tanti nei giorni scorsi hanno voluto partecipare al ricordo in Chiesa dell'avvocato Franco Maria De Rose che è passato a miglior vita e che ha lasciato una traccia indelebile in chi lo ha conosciuto e lo ha frequentato. Tanti i traguardi raggiunti da uomo delle Istituzioni e da fedele servitore dello Stato, con incarichi dirigenziali di alto livello e sempre di primo piano. Ma nel ricordo di Franco De Rose riportiamo integralmente le struggenti parole dettate dal cuore e lette dal pulpito della Chiesa dal suo caro e fraterno amico di sempre, il noto avvocato e Maestro del diritto, Niny Feraco.

Posted On Lunedì, 17 Febbraio 2020 21:00

Migliaia di persone sono accorse al Santuario “Nostra Signora dello Scoglio”, fondato da Fratel Cosimo Fragomeni, a Santa Domenica di Placanica, nel cuore della Locride, per celebrare la “Giornata mondiale del malato”Migliaia di persone, l’undici febbraio, sono accorse, come ogni anno, al Santuario “Nostra Signora dello Scoglio”, fondato da Fratel Cosimo Fragomeni, in Santa Domenica di Placanica, nel cuore della Locride, per celebrare la “Giornata mondiale del malato”. Il vescovo della Diocesi di Locri - Gerace. Monsignor Francesco Oliva, che, come fa sempre al santuario mariano di Santa Domenica, ha presieduto tutte le solenni funzioni, ha espresso: “Questa annuale celebrazione della Giornata del malato risponde ad un bisogno che la Chiesa ha sempre avvertito nel corso dei secoli: il servizio ai malati e ai sofferenti come parte integrante della sua missione."

Posted On Mercoledì, 12 Febbraio 2020 10:43

Cosa significa il termine foibe? Le foibe sono delle cavità naturali presenti sul Carso. Il nome deriva dal dialetto giuliano, che a sua volta deriva dal latino fovea, cioè fossa o cava. Storicamente, però, il nome foiba evoca ricordi terribili, riconducibili a due diversi momenti, uno durante la Seconda guerra mondiale e l’altro nell’immediato dopoguerra, quando le foibe divennero teatro di vere e proprie esecuzioni di massa: i partigiani comunisti del maresciallo Tito vi gettarono migliaia di persone, colpevoli di essere italiani.

Posted On Lunedì, 10 Febbraio 2020 09:59

Carmine Tripodi (Torre Orsaia, 14 maggio 1960 - San Luca, 6 febbraio 1985), carabiniere italiano, brigadiere dell'Arma dei Carabinieri vittima della 'Ndrangheta, contrastava l’anonima sequestri che spremeva e accumulava miliardi attraverso il sequestro di uomini, donne, bambini, coppie di fidanzati, mamma e bambino insieme, tenuti alla catena, trattati come bestie, carne viva da prendere e tenere in fresco per mesi, anni, in attesa del riscatto.

Posted On Lunedì, 03 Febbraio 2020 11:27
Pagina 1 di 3

News dalla Calabria