Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Mercoledì, 26 Febbraio 2020
itenfrdees

Dalla Calabria

Ancora non è stato proclamato consigliere e già è sotto indagine per i voti che lo hanno rispedito in Regione. Per la procura, tutti risultato di accordi corruttivi. Inizia male la seconda avventura in Consiglio regionale del consigliere di centrosinistra uscente, Giuseppe Aieta, uno dei pochi fedelissimi dell’ex governatore Mario Oliverio ad aver strappato la ricandidatura nella coalizione di centrosinistra, “confinato” nelle liste dei Democratici e Progressisti. La notizia dell’indagine a suo carico si è diffusa ieri, quando dalla sua segreteria politica in tanti hanno visto uscire gli investigatori carichi di carte, faldoni e computer. Ma a darne conferma è stato lo stesso Aieta che sulla sua pagina Facebook ha pubblicato l’avviso di garanzia per corruzione che oggi gli è stato notificato.

Posted On Mercoledì, 12 Febbraio 2020 06:56

È stato scarcerato il giudice Marco Petrini, arrestato su richiesta della Dda di Salerno lo scorso 15 gennaio. La scarcerazione è stata disposta dal gip di Salerno Giovanna Pacifico su istanza degli avvocati Francesco Calderaro, del foro di Castrovillari, e Agostino De Caro, del foro di Salerno. Petrini, presidente della seconda sezione della Corte d'appello di Catanzaro e della Commissione tributaria, ora sospeso, è accusato di corruzione in atti giudiziari, alcuni casi aggravati dal metodo mafioso, perché avrebbe accettato offerte di denaro, doni e sesso in cambio dell'interessamento su processi penali e tributari.

Posted On Mercoledì, 12 Febbraio 2020 06:39

Comunicato dell’avvocato Cataldo Intrieri, legale dell’ex consigliere regionale Pino Tursi Prato, arrestato nell'ambito dell'inchiesta "Genesi", per il quale sono stati disposti due proscioglimenti dalle accuse ipotizzate e gli arresti domiciliari. "Sono molto soddisfatto, unitamente ai colleghi Franz Caruso e Michele Filippelli del Foro di Cosenza" afferma l'avvocato Cataldo Intrieri del Foro di Roma, già impegnato in importanti processi di collusione tra P.A. e criminalità organizzata, tra cui Mafia capitale e altri.

Posted On Lunedì, 10 Febbraio 2020 20:41

"Le persone arrestate nell'inchiesta Rinascita Scott e poi scarcerate sono 69. Sono state arrestate, ad esempio, per intestazione fittizia di beni. Nel momento in cui ho il bene sequestrato, quella persona viene interrogata e risponde alle domande dove è più l'esigenza cautelare? Quindi viene scarcerato ma questo non vuol dire che il soggetto non ha commesso il reato. Vuol dire che non c'è più il pericolo di fuga, di inquinamento probatorio e le dichiarazioni sono cristallizzate. Poi se uno è in malafede può dire che l'indagine è fallita perché sono state scarcerate queste persone".

Posted On Lunedì, 10 Febbraio 2020 10:56
Pagina 3 di 11

News dalla Calabria