Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Lunedì, 30 Marzo 2020
itenfrdees

Il liceo Telesio di Cosenza offre massima collaborazione alle autorità competenti per l'emergenza Coronavirus

Posted On Martedì, 25 Febbraio 2020 10:19
Antonio Iaconianni Antonio Iaconianni

Il Liceo Classico Telesio di Cosenza, vista la situazione emergenziale che si vive particolarmente in alcune aree nel Paese circa il Coronavirus, offre alle autorità competenti la massima collaborazione. Con una comunità scolastica di circa 1300 persone (più grande di alcuni paesi italiani) ed una mobilità in rientro dalle zone del Nord veloce e spesso non controllata, si pensi ai treni o ai bus, il dirigente del Liceo Classico Telesio di Cosenza, Antonio Iaconianni, avverte tutta la responsabilità di gestire bene la situazione e sin da subito ha messo a disposizione dell'utenza un indirizzo mail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. per comunicare immediatamente all'istituzione scolastica, partenze, rientri (anche di familiari) ed eventuali casi di febbre.

Lo stesso dirigente ha dichiarato: "Sento il dovere, in quanto responsabile di questa comunità tanto grande di garantire sin da subito massima collaborazione alle autorità competenti e tutelare per quanto possibile ogni persona della nostra scuola ed ogni famiglia. Non è tempo di sterili polemiche e neppure di allarmismi, è però il tempo della massima prudenza e della massima attenzione e sono certo che se ognuno farà la propria parte con scrupolo e serietà la situazione sarà facilmente gestibile. Il problema della nostra provincia è che c'è una altissima mobilità dal Nord, pertanto la vigilanza deve essere altissima, se non addirittura pari rispetto a quella del Nord."

"Mi preme, poi, sottolineare che le sperimentazioni della nostra scuola in tema di smart working, mai come oggi ritornerebbero utili: ricordo che siamo stati i primi in Italia tra le istituzioni scolastiche a mettere in atto tali strategie di lavoro. Continueremo la nostra sperimentazione - ha concluso Iaconianni - ed anzi colgo l'occasione per dire che con diverse scuole d'Italia abbiamo messo in cantiere una costituenda Rete sullo smart working con la quale definiremo le prossime tappe di un percorso che, sebbene per quest'anno non sarà ovviamente proponibile, già dal prossimo anno lo potremo applicare magari con il sostegno attivo del MIUR. Per le scuole che vogliano chiarimenti ed informazioni circa la costituenda Rete sul lavoro agile, l'indirizzo email di contatto è: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo..

 

 

News dalla Calabria