Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 31 Maggio 2020
itenfrdees

Health

Con 207.000 contagi nella scorsa settimana e 1.099.000 casi da ottobre a oggi, l'influenza ha superato la soglia che fa scattare l'epidemia. Ad aggiornare le stime è l'ultimo bollettino per la sorveglianza delle sindromi influenzali Influnet, a cura dell'Istituto Superiore di Sanità.

Posted On Venerdì, 20 Dicembre 2019 09:44

Sono 642mila i cittadini costretti a letto a causa dell'influenza da quando il virus e' in circolazione in Italia, arrivato in anticipo. Nello stesso periodo del 2018 aveva colpito 505mila persone. Nell'ultima settimana di rilevazione (18-24 novembre) i nuovi casi ammontano a 167.000. Il livello di incidenza del virus in Italia è pari a 2,76 casi per mille assistiti. Le regioni più colpite sono Sicilia (4,16), Lombardia (4,39), Piemonte (4,11), Toscana (3,10) ed Emilia-Romagna (3,07).

Posted On Martedì, 03 Dicembre 2019 18:37

I cambiamenti climatici minano la salute in età neonatale: circa 25.000 neonati l'anno nascono prematuri come risultato dell'innalzamento delle temperature, con una perdita complessiva di oltre 150.000 giorni di gravidanza l'anno in Usa. Nei giorni in cui la massima supera i 32 gradi le nascite aumentano del 5% rispetto ai numeri medi giornalieri. Sono i dati emersi da una ricerca pubblicata sulla rivista Nature Climate Change: l'effetto dell'afa è immediato, infatti i parti aumentano in corrispondenza del giorno stesso dell'esposizione alle alte temperature, con casi di prematurità anche di 2 settimane.

Posted On Martedì, 03 Dicembre 2019 18:32

Bisogna rivedere (al ribasso) i valori massimi delle linee guida internazionali sulla qualità dell'aria. Infatti, l'esposizione anche a breve termine al particolato fine dell'aria (le Pm 2,5) è legata a diversi disturbi che hanno aumentato i ricoveri e le spese sanitarie. A dirlo è uno studio statunitense pubblicato dal British Medical Journal e che è stato realizzato dalla Harvard Chan School of Public Health. Al lavoro hanno contribuito due ricercatrici italiane: Antonella Zanobetti(con studi perfezionati all'Università di Firenze) e Francesca Dominici (il cui percorso accademico è passato dalla Sapienza di Roma e dall'Università di Padova).

Posted On Lunedì, 02 Dicembre 2019 23:15
Pagina 2 di 4

News dalla Calabria