Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 17 Novembre 2019
itenfrdees

Rubriche

« November 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

Health

Gli alimenti che consumiamo non sono tutti sicuri. E’ il tema dell’interrogazione alla Commissione europea di Piernicola Pedicini, portavoce del M5S. “Secondo la relazione speciale della Corte dei conti sulla sicurezza alimentare europea, pubblicata lo scorso 15 gennaio 2019 nei test condotti dagli Stati membri sugli alimenti commercializzati nell'Unione Europea, risultano quasi assenti i controlli su enzimi, aromi alimentari e materiali a contatto con gli alimenti. Per questi ultimi, tra l'altro, sono ancora in corso 138 decisioni di gestione del rischio su 156 domande inerenti la plastica riciclata, con la conseguenza che tutti i processi di riciclaggio possono essere autorizzati a prescindere dalla valutazione finale sulla sicurezza del materiale”.

Posted On Mercoledì, 06 Febbraio 2019 08:56

Quando sento parlare che la Calabria è una terra sfortunata, sfruttata dai nordisti, abusata ecc. mi vengono in mente tante metafore come quella di Cappuccetto Rosso e il lupo, quella della volpe e l’uva o quella del lupo e del vizio. Devo dire che c’è l’imbarazzo della scelta. Dico questo non perché non avverto i disagi di questa terra, la mancanza di tutto, ma perché mi viene subito in mente il detto che dice... chi è causa del suo mal... ecc. Quando i vari politici di turno, politici per caso come i turisti, ci venivano a chiedere il voto e noi presi da un digiuno di bisogni istintoidi cedevamo alle loro lusinghe dietro la speranza di sistemare quel figlio rimasto troppo tempo a casa senza prospettive, di riacquistare un po' di dignità strappata dalle continue mancanze di piccole cose che per quanto dovute e normali, in Calabria, erano e sono diventati oggetto di ricatto e di sottomissione, per poi, nel momento giusto, essere usati come voto di scambio per l’entrata nel paese dei balocchi, in quel momento abbiamo dato l’anima al diavolo di turno.

Posted On Martedì, 05 Febbraio 2019 10:36

Circa due milioni e sempre più giovani. Sono gli adolescenti italiani che soffrono di disturbi alimentari, tra cui anoressia e bulimia, e l'età si abbassa sempre di più, tanto che il malessere inizia a fare il suo esordio già a 11 anni e in alcuni casi, secondo i pediatri, addirittura in bambine di soli 8 anni. L'età di esordio più frequente per anoressia e bulimia, spiega Annalisa Venditti, psicologa esperta dei disturbi del comportamento alimentare presso il Gruppo INI-Istituto Neurotraumatologico Italiano, "è tra i 15 e i 25 anni, anche se sono appunto in aumento i casi dagli 11/12 anni. Rifiuto del cibo o, al contrario, grandi abbuffate restano i problemi più frequenti, ma ad essere in aumento è anche la risposta maschile della vigoressia, ovvero l'ossessione di un fisico prestante. La causa? Un profondo disagio personale che trasforma la voglia di essere magri e 'belli' in una patologia, aggravata dall'utilizzo dei social, che facilitano confronti con modelli di bellezza irraggiungibili". I disturbi dell'alimentazione sono diversi.

Posted On Giovedì, 10 Gennaio 2019 16:51

Non solo deve essere ricercato, ma anche prodotto 'eticamente', magari con il commercio equo e solidale e da animali allevati all'aperto: sono queste le caratteristiche sempre più importanti che deve avere il cibo per le persone dell'alta società e le elite, che puntano sempre di più sul rispetto dell'ambiente. A segnalarlo è uno studio dell'università di Toronto pubblicato sulla rivista Social Forces.

Posted On Giovedì, 10 Gennaio 2019 16:37
Pagina 9 di 10