Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 17 Novembre 2019
itenfrdees

Rubriche

« November 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

Health

Troppo caffè (da 3 tazzine o più al dì) e bibite con caffeina possono scatenare un attacco di emicrania il giorno stesso o il giorno seguente il consumo. Lo rivela una ricerca pubblicata su The American Journal of Medicine e condotta da Elizabeth Mostofsky, del Beth Israel Deaconess Medical Center, e Harvard T.H. Chan School of Public Health a Boston. Esistono tante conoscenze aneddotiche sul consumo di caffè e il rischio di un attacco di emicrania, disturbo che colpisce nel mondo oltre un miliardo di persone e rappresenta la condizione dolorosa più diffusa causa di perdita di produttività e costi diretti e indiretti.

Posted On Venerdì, 09 Agosto 2019 09:44

Le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte nel mondo. Livelli alti di colesterolo, fumo, diabete, ipertensione, sedentarietà e obesità sono importanti fattori di rischio. Proteggi il tuo cuore: segui ogni giorno alcune semplici regole. È una iniziativa della Società italiana di cardiologia (SIC), in accordo con il ministero della Salute, per la prevenzione delle malattie cardiovascolari.

Posted On Venerdì, 26 Luglio 2019 17:25

"Dopo l'approvazione della legge Calabria, quattro dei sette commissari straordinari nominati dai commissari ad acta per il tramite della ministra, hanno gettato la spugna sul ring prima di indossare i guantoni. Per i tre che rimangono, sono in tanti (troppi) a vederla dura, certi come sono che hanno fatto le loro scelte al buio pesto. Il risultato è quello di avere aziende acefale, prive di governance e con tanta paura addosso per i preposti precari, che non possono fare granché se non vegetare. Incombe il terrore, quello vero, a leggere le notizie di questi giorni, le rivendicazioni di ulteriore potere della ministra Grillo e le soluzioni che stanno in pentola per guarire una sanità ovunque malata e in avanzato stato di coma nel Mezzogiorno."

Posted On Giovedì, 18 Luglio 2019 09:33

Lo studio rivoluzionario che vede in prima linea l’Unità Operativa di Cardiologia dell’Ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno, apre la strada alla possibilità di soluzioni terapeutiche basate sulla proteina LAV-BPIFB4. Si tratta di una variante del gene che codifica la proteina BPIFB, capace di prevenire e combattere le malattie cardiovascolari attraverso un vero e proprio ringiovanimento dei vasi sanguigni. Lo studio, condotto dal Dipartimento di Medicina, Chirurgia e Odontoiatria, Scuola Medica Salernitana dell’Università degli Studi di Salerno, Policlinico Ruggi d’Aragona insieme al Neuromed di Pozzilli (IS) e dal MultiMedica di Sesto San Giovanni (MI) con il sostengo di Fondazione Cariplo e ministero della Salute è stato pubblicato sull’European Heart Journal.

Posted On Martedì, 16 Luglio 2019 09:12
Pagina 5 di 10