Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Giovedì, 14 Novembre 2019
itenfrdees

Rubriche

« November 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

Cultura

Assegnato il permio Nobel per la Letteratura. L'Accademia svedese ha tributato il riconoscimento per l'anno 2018 alla scrittrice polacca Olga Tokarczuk, nata nel 1962 e, per il 2019, all'autore austriaco Peter Handke, nato nel 1942. Queste le motivazioni. A Olga Tokarczuk "per la sua immaginazione narrativa che con passione enciclopedica rappresenta l'andare al di là dei confini come forma di vita". A Peter Handke "per un lavoro influente che con ingegnosità linguistica ha esplorato la periferia e la specificità dell'esperienza umana".

Posted On Venerdì, 11 Ottobre 2019 08:28

Sentire finalmente
Il tuo battito dentro di me
Questa era la mia vera attesa

Posted On Domenica, 06 Ottobre 2019 09:45

Il 26 Ottobre, nello storico CineTeatro Garden, si aprirà il sipario della seconda edizione del Rende Teatro Festival. Tanti nomi e volti nuovi che caratterizzano la nuova stagione della kermesse rendese organizzata e ideata, come sempre, dalla Dedo Eventi di Alfredo De Luca con il patrocinio del Comune di Rende. Ben sette i mesi di durata del calendario. E' stato presentato il tutto in una conferenza stampa molto partecipata al Museo del Presente di Rende. Presenti al tavolo dei lavori il sindaco di Rende Marcello Manna, l’assessore allo sport Mario Rausa, il giovane direttore artistico Alfredo De Luca e il giornalista Marcello Romanelli, ufficio stampa della manifestazione.

Posted On Venerdì, 04 Ottobre 2019 08:38

È uscito in libreria il primo libro del giornalista Francesco Veltri “Il mediano di Mauthausen” che racconta la vera storia del calciatore Vittorio Staccione, edito da Darkos (casa editrice che fa parte del prestigioso Gruppo Rusconi). Ne “Il mediamo di Mauthausen” Francesco Veltri racconta la storia di un calciatore. Ma non un calciatore qualunque. Un calciatore che ha militato fra le fila del Cosenza, del Torino e della Fiorentina. Il suo nome è Vittorio Staccione e la sua vita cambia radicalmente in un freddo pomeriggio d’inverno del 1915. Ha appena undici anni e sta giocando a pallone insieme ai suoi amici in un campo dissestato del quartiere operaio di Madonna di Campagna, quando viene notato da Enrico Bachmann, il mitico capitano del Torino. In pochi anni, quell’umile ometto tutto corsa e sacrificio che di ruolo fa il mediano, diventerà un elemento importante della compagine della sua città, fino alla conquista dello scudetto insieme a campioni assoluti come Libonatti, Baloncieri e Rossetti.

Posted On Sabato, 28 Settembre 2019 10:28
Pagina 5 di 27