Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Lunedì, 17 Febbraio 2020
itenfrdees

L'Angolo della Memoria

Una grande voglia di vivere, di divertirsi, le grandi comitive, i gruppi delle gite in moto, la scampagnate al mare, le corse in Sila. Questi erano i mitici anni '70 e '80, questi erano i ragazzi di Piazza Kennedy di Cosenza che ballavano alle Caravelle o al Tortuga, con la disco music che impazzava, la migliore mai prodotta in assoluto. Brani come, "You Make Me Feel (Mighty Real)" di Sylvester, Gloria Gainor con la mitica "I Will Survive", ma la canzone simbolo di quella stagione di quei ragazzi era la trascinante e indimenticabile "Love Is In The Air" di John Paul Young.

Posted On Domenica, 06 Ottobre 2019 08:03

Correvano gli ultimi anni del mitico decennio degli anni '70 ed i primi anni dei mitici anni '80, gli anni dell'edonismo craxiano, della Milano da bere, del boom economico, degli yuppies, ed erano anche gli anni della Disco Music e delle discoteche. Sulla costa tirrenica in quegli anni tanti erano i locali dove si ballava la notte, dove ci si incontrava, da "Le Caravelle" al Tortuga, al Moana, all'Enfer, solo per citarne alcune. Fra queste anche "L'Onda Verde", una bellissima discoteca all'aperto incastonata in un luogo suggestivo e bellissimo.

Posted On Domenica, 06 Ottobre 2019 06:19

In un post pubblicato su Facebook dal bravo giornalista Francesco Di Napoli si rievoca un momento importante della politica della Prima Repubblica, quando la politica era vera Politica con la "P" maiuscola e quando a rappresentarla erano giganti dalla levatira di Giacomo Mancini. Di seguito lo pubblichiamo integralmente:

Posted On Lunedì, 30 Settembre 2019 06:28

Il ricordo del giornalista e sociologo Mauro Rostagno a 31 anni dal suo omicidio cozza contro un territorio che gira le spalle alle sentenze. Io, l’ho scritto spesso, e lo riscrivo ancora, non ho conosciuto Mauro Rostagno, quindi non faccio parte di quella certa fiera delle vanità che si organizzano in questa triste ricorrenza. Ho conosciuto Mauro Rostagno attraverso la lettura degli atti giudiziari, così come mi è accaduto fare per altri morti ammazzati. Una costante letta in queste carte è quello che ad ammazzare questi poveri cristi, magistrati, giudici, poliziotti, gente qualsiasi, non era stata la mafia, perché a Trapani la mafia non esiste. Pensate, lo disse un sindaco e lo affermò anche un Procuratore della Repubblica.

Posted On Domenica, 29 Settembre 2019 10:44
Pagina 3 di 8

News dalla Calabria