Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 26 Gennaio 2020
itenfrdees

L'Angolo della Memoria

Il personaggio di Don Vito Corleone è divenuto immortale grazie soprattutto alla magistrale interpretazione di Marlon Brando: ma se il film di Francis Ford Coppola è ancora riconosciuto come uno dei successi più importanti della storia del cinema, quando uscì, nel 1969, anche il romanzo a cui è ispirato non fu da meno. Sono trascorsi cinquant’anni da quando Mario Puzo pubblicava “The Godfather”. Nel marzo del 1969 usciva nelle librerie americane il romanzo che farà conoscere al mondo, grazie soprattutto alla bellissima trasposizione cinematografica, un personaggio memorabile: si tratta de “Il Padrino” di Mario Puzo, e il personaggio è ovviamente quello di Don Vito Corleone.

Posted On Sabato, 09 Marzo 2019 08:06

Riportiamo il bellissimo articolo pubblicato su "La Repubblica" a firma del giornalista Pantaleone Sergi il 24 febbraio 1987 che illustra il convegno/ incontro che il vecchio leone socialista, Giacomo Mancini, organizzò per esprimere il suo dissenso verso l'azione politica ed il metodo di gestione del Psi da parte di Bettino Craxi che, in quegli anni, godeva della totale unanimità all'interno del Psi. L'unica voce contraria, quella dell'indomito Giacomo Mancini, un vero "socialista inquieto" per come amava definirsi.

Posted On Giovedì, 07 Marzo 2019 06:43

È passato quasi nel silenzio il quarantennale della scomparsa di Giuseppe Berto, uno dei maggiori romanzieri italiani del secondo dopoguerra. Non credo che gliene sarebbe fregato molto. Berto aveva, nei confronti della società letteraria, nei suoi begli anni assai più potente e stimata di oggi, una sorta di beffarda sprezzatura, che lo spinse a mettersi in rotta anche col papa laico della cultura di sinistra, Giorgio Moravia, rinfacciandogli alla Libreria Einaudi di Roma, di avere perorato in un importante premio letterario la causa di Dacia Maraini, per meriti che eufemisticamente si potrebbero definire metaletterari. Non l’avrebbe stupito nemmeno che il solo quotidiano nazionale ad averlo commemorato sia stato “Il Fatto”, ma ricordandolo più che altro come un caso clinico, con un articolo firmato da uno psicanalista, Mario Montanari: il paziente è prevalso sullo scrivente.

Posted On Lunedì, 04 Marzo 2019 06:50

Erano gli anni Settanta. Il giornalista De Mauro stava preparando la sceneggiatura del film di Francesco Rosi sulla morte di Enrico Mattei, il presidente dell'Eni che osò sfidare le compagnie petrolifere internazionali. Lo scrittore Pier Paolo Pasolini stava scrivendo il romanzo "Petrolio", una denuncia contro la destra economica e la strategia della tensione, di cui il poeta parlò anche in un famoso articolo sul "Corriere della Sera".

Posted On Sabato, 02 Marzo 2019 09:01
Pagina 11 di 13

News dalla Calabria