Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 26 Gennaio 2020
itenfrdees

L'Angolo della Memoria

Alle prime luci dell’alba del 14 maggio 1986 scatta a Cosenza il blitz, che, per la prima volta in assoluto, delinea, almeno sul piano accusatorio, l’esistenza di due clan contrapposti in guerra fra loro, senza esclusione di colpi. Ben 1000 fra poliziotti e carabinieri giunti da ogni dove partecipano all’operazione. 179 i mandati di cattura da eseguire e controfirmati dal Procuratore capo del tempo, Oreste Nicastro, e da suoi tre sostituti, Mollace, Licci e Scotto Di Carlo. Di questi 52 vengono eseguiti dai carabinieri, 24 dalla polizia. Altri 56 ordini di cattura vengono notificati in carcere a detenuti per altra causa. In 47 quella notte saranno gli irreperibili, dei quali alcuni si consegnarono successivamente.

Posted On Lunedì, 08 Aprile 2019 09:58

Frank Costello, vero nome Francesco Castiglia. nacque a Lauropoli, frazione di Cassano all'Ionio (provincia di Cosenza, Italia), nel 1891. Da bambino Castiglia emigrò negli Stati Uniti d'America con la madre e la sorella per unirsi al padre Luigi, che si era trasferito a New York prima di loro, e tutta la famiglia si stabilì nel quartiere di East Harlem. Fu qui che Castiglia entrò in contatto con piccole bande di microcriminalità minorile, venendo arrestato una prima volta nel 1908 per aggressione e rapina, ma fu rilasciato perché le accuse furono ritirate; nel 1912 venne nuovamente arrestato per rapina ma le accuse decaddero e tornò in libertà. Castiglia disse alla polizia di chiamarsi Frank Costello, nel tentativo di nascondere che era già stato arrestato.

Posted On Venerdì, 05 Aprile 2019 08:52

Nel fascicolo archiviato nel 2015 c’è un’immagine dell’uomo d’affari, mostrata a un teste dell’Idroscalo che non l’ha riconosciuto. Una nota Sismi parla dei suoi rapporti con Abbruciati, boss della Magliana. Una foto di Flavio Carboni si fa largo tra le carte ormai sepolte della ultima inchiesta sull’omicidio diPier Paolo Pasolini, avvenuto la notte fra il 1° e il 2 novembre 1975. Una indagine durata cinque anni (2010-2015). Mentre l’unico processo ha visto condannato il solo Giuseppe Pelosi nel ‘79. Pelosi che, allora 17enne, non sarebbe stato in grado di massacrare da solo lo scrittore. La foto di Carboni, con i suoi dati personali, spunta all’interno di un album allegato a un verbale del 28 aprile 2011. Nel verbale, un uomo sentito su quanto apprese de relato da un testimone diretto della notte del delitto all’Idroscalo di Ostia, riferisce un’altra dinamica dell’omicidio.

Posted On Giovedì, 28 Marzo 2019 08:24

La prima assemblea regionale della Calabria venne eletta nelle elezioni regionali del 7 e 8 giugno del 1970, i primi quaranta consiglieri regionali che furono chiamati ad approvare il primo statuto della Regione. I primi 40 consiglieri regionali della Calabria furono in rigoroso ordine alfabetico:

Posted On Sabato, 16 Marzo 2019 07:59
Pagina 10 di 13

News dalla Calabria