Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Lunedì, 21 Settembre 2020
itenfrdees

Dalla Calabria

"In Calabria il diritto allo studio troppo spesso non viene rispettato. Questo diritto, costituzionalmente protetto, infatti non è garantito a tutti gli studenti idonei per mancanza della totalità dei fondi necessari a ricoprire, ogni anno, l’intero fabbisogno. Da ciò la presenza, nella nostra università, di una figura aberrante, triste ed anticostituzionale: “L’idoneo non beneficiario”, cioè lo studente che, pur rispettando i requisiti di reddito e merito, non riceve la borsa di studio per mancanza di fondi".

Posted On Sabato, 28 Dicembre 2019 10:58

Tredicesimo anno consecutivo per il Presepe Vivente a Scigliano (CS), in questo borgo sperduto a cavallo tra il Savuto ed il Bisirico. Nei giorni delle rappresentazioni non è difficile incontrare, già dalle prime ore pomeridiane, autovetture che si aggirano per le strade del paese, alla ricerca di indicazioni stradali per raggiungere il Presepe. Visitatori giunti da lontano, facili poi da riconoscere, all’interno del Presepe, per via dei loro sguardi estasiati e intenti ad ammirare il borgo antico della frazione Diano, illuminato da torce e fuochi, che nello scenario natalizio assume una dimensione fiabesca.

Solide mura di case antiche che delimitano viuzze ripide che si inerpicano sul pendio dei colli, ove è adagiato l’antico borgo di Diano, intrecciandosi in un groviglio di vicoli comunicanti tra loro. Porte e portoni spalancati che svelano i loro segreti più intimi lasciando intravedere attrezzi di antichi mestieri ormai persi nel tempo, gelosamente custoditi nei loro interni, lontani da occhi indiscreti per il resto dell’anno. Si rimane colpiti dalla veridicità e ricchezza delle scene e dei costumi, perfettamente inseriti nel bel contesto del centro storico della frazione Diano. E' da sottolineare anche la bravura dei personaggi. 

Tutti oggetti veri e reali, rispolverati per l’occasione. Persino le travi utilizzate per la costruzione della “Capanna” non nascondono la loro veneranda età, giungendo dai rifacimenti dei solai secolari delle case del borgo. Se non fosse per qualche lampione tenuto acceso parrebbe davvero di tornare indietro di almeno un paio di secoli, quando non esisteva ancora l’elettricità, con lo straordinario privilegio di poter sbirciare nelle antiche case del borgo, da quelle di origini umili a quelle nobiliari con portoni maestosi e corti interne.

A rendere ancora più reale la scena, tanti animali veri disseminati lungo il percorso, pecore, buoi, asini, cavalli, galline, tacchini, oche e piccioni. Numerosi sono i punti di degustazione gratuita lungo il percorso con prodotti tipici e rigorosamente cotti al momento, cucinati con antiche tecniche davanti gli occhi dei visitatori, con profumi che si espandono nell’ambiente a gratificare anche l’olfatto dei presenti. I visitatori molto numerosi, segno del successo della manifestazione. Complimenti al Sindaco Raffaele Pane e a tutti gli sciglianesi che con passione realizzano ogni anno questo bello spettacolo.

Foto di Piero Petrisano

 

 

 

Posted On Venerdì, 27 Dicembre 2019 08:59

Oltre un migliaio di persone ha invaso le strade di Vibo Valentia per la “Marcia per la legalità” organizzata dall’associazione antimafia “Libera”. Un’iniziativa, pensata dopo il maxi-blitz "Rinascita-Scott" di giovedì scorso, con cui la procura di Catanzaro ha decapitato la ‘ndrangheta vibonese, e voluta - hanno spiegato gli organizzatori - per esprimere “vicinanza e gratitudine agli uomini e alle donne dello Stato che quotidianamente sono in trincea per l’affermazione dei principi della legalità e della democrazia nel nostro territorio”.

Posted On Giovedì, 26 Dicembre 2019 11:25

Riccardo Giacoia, 57 anni, è stato nominato vice caporedattore della Tgr Calabria. Dal 23 dicembre la nuova qualifica diventerà esecutiva. Giacoia è, attualmente, inviato della testata giornalistica regionale calabrese, e, in questo suo ruolo è stato anche al TG1 e, da anni, è l’inviato di riferimento di TV7 e degli Speciali TG1 in Calabria.

Posted On Giovedì, 19 Dicembre 2019 09:20
Pagina 2 di 5

News dalla Calabria