Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Martedì, 28 Gennaio 2020
itenfrdees

Dall'Italia

Tre miliardi di taglio delle tasse sul lavoro nel 2020 e l'ingresso in manovra di un fondo per la famiglia. Sono le novità che spuntano sul tavolo del vertice notturno sulla legge di bilancio a Palazzo Chigi. Ipotesi che mirano a rendere il testo "più ambizioso", ma anche a ridurre gli attriti tra i partiti. E' una vigilia di liti, infatti, quella che precede l'arrivo in Consiglio dei ministri della manovra (previsto per lunedì sera, potrebbe tenersi martedì mattina), con il documento programmatico di bilancio da inviare all'Ue e il decreto fiscale. Sottotraccia duellano M5s e Pd proprio sul taglio del cuneo. Sulla scena, si scontrano Iv e M5s sulla proposta di Matteo Renzi di abolire quota 100, che per Luigi Di Maio è inaccettabile. A Palazzo Chigi, intorno alle 22, il premier Giuseppe Conte e il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri accolgono i capi delegazione dei quattro partiti di maggioranza, Di Maio, Dario Franceschini, Roberto Speranza, Teresa Bellanova.

Posted On Lunedì, 14 Ottobre 2019 08:48

Ok definitivo dell'Aula della Camera al taglio dei parlamentari. Il disegno di legge costituzionale che riduce i deputati a 400 dai 630 attuali ed i senatori a 200 dagli attuali 315, è stato definitivamente approvato a Montecitorio con 553 voti a favore, 14 contrari e due astenuti. Trattandosi di un disegno di legge costituzionale, era richiesta la maggioranza assoluta dei componenti dell'Assemblea, pari a 316 voti. Un applauso dell'Aula proveniente soprattutto dai banchi di M5s, ha salutato l'approvazione definitiva della riforma per il taglio dei parlamentari. 

Posted On Mercoledì, 09 Ottobre 2019 08:31

“Sono sette i confini dell’Emilia romagna, vediamo quanti ne sa…”. La domanda è di Giorgio Lauro, che insieme a Geppi Cucciari conduce su Radio 1 Rai la trasmissione “Un giorno da pecora”. Ospite Lucia Borgonzoni, senatrice leghista, già sottosegretaria alla Cultura e ora candidata alla presidenza della Regione Emilia-Romagna. “Il Veneto”, risponde sicura in diretta. “Poi ci sono la Lombardia, la Toscana, la Liguria, le Marche”, quindi la gaffe: “E il Trentino”. Poi si dimentica anche di San Marino e al suo posto nomina l‘Umbria, ma si corregge.

Posted On Giovedì, 03 Ottobre 2019 06:50

Dal nostro lettore, professor Sergio La Ghezza, riceviamo e volentieri pubblichiamo: "Parlare dell’Arte della politica, oggi, nel terzo millennio è difficile poiché la condotta dei cosiddetti esponenti che muta ad ogni piè sospinto, per il mantenimento della poltrona, è veramente scandaloso. Infatti molti di questi pseudo politicanti da baraccone, hanno capito che la politica nel senso vero del termine, va interpretata non in base alla realtà sociale ed economica del paese, ma in base alla capacità di un popolo che si lasci abbindolare da false promesse, distrarre lo stesso, rispetto al bisogno quotidiano del singolo, tenuto conto dell’assetto famigliare, dei componenti come unità, giusto per il pacchetto delle tessere e per il peso elettorale che lo stesso può determinare nelle varie competizioni elettorali!"

Posted On Mercoledì, 02 Ottobre 2019 08:10
Pagina 7 di 23

News dalla Calabria