Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Martedì, 12 Novembre 2019
itenfrdees

Rubriche

« November 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

Ieri è stato accolto l’ennesimo ricorso presentato all’Arbitro Bancario Finanziario nell’interesse di una coppia di soci della provincia di Cosenza cointestatari di 3 buoni fruttiferi postali di £.1.000.000 cadauno emessi nel febbraio del 1988. Recatisi all’ufficio postale per ottenerne il rimborso nel mese di marzo, i beneficiari scoprivano che Poste Italiane intendeva loro riconoscere l’importo di €.5.700,00 per ciascuno dei buoni. Si rivolgevano pertanto all’Unione Nazionale Consumatori Cosenza ritenendo che l’importo loro dovuto fosse superiore. In appena sei mesi dal conferimento dell’incarico i consumatori, assistiti dall’Avvocato Pierluigi Basile, hanno ottenuto quanto loro spettante e più precisamente oltre €.12.000 per un buono ed oltre €.10.000 per i restanti due.

Posted On Giovedì, 31 Ottobre 2019 08:32

Passando a considerare la griglia completa dei Paesi, si scopre che a guidare la classifica di quelli più tassati dal fisco c'è la Francia che si conferma il paese dell'Unione europea dove la tassazione (tasse sul reddito e contribuzione sociale) è più elevata, in base ai dati Eurostat del 2018. Nel paese la pressione fiscale è al 48,4%, in aumento dall'anno precedente (48,3%), seguita da Belgio (47,2%, in aumento dal 47%), Danimarca (45,9%, in calo rispetto dal 46,8%), Svezia (44,4%, in calo dal 44,7%), Austria (42,8%, in aumento dal 42,4%), Finlandia (42,4%, in calo dal 43,1%) e Italia (42%, in lieve calo rispetto al precedente 42,1%).

Posted On Giovedì, 31 Ottobre 2019 08:24

Il welfare italiano ha nel sistema pensionistico la sua manifestazione più eloquente. Non c'è infatti nulla di più ingiusto e corrotto di questo modo malavitoso di sottrarre risorse ai lavoratori, obbligandoli a destinarli all'Inps, per poi distribuirli in maniera totalmente arbitraria. Com'è noto, le pensioni di Stato sono da sempre al cuore degli interessi del mondo sindacale. Chiunque provi a immaginare un'alternativa al sistema attuale si trova fatalmente dinanzi al fuoco di sbarramento delle organizzazioni dei lavoratori, tanto più che la Triplice si regge ormai più sui pensionati che sugli iscritti in attività.

Posted On Domenica, 27 Ottobre 2019 19:18

Nel suo discorso di congedo dalla Banca centrale europea, il presidente Mario Draghi avverte che per lo scenario economico dell'Eurozona "i rischi restano al ribasso, a causa della protratta incertezza geopolitica, del protezionismo e delle vulnerabilità delle economie emergenti". E aggiunge che "l'Eurotower resta pronta a modificare tutti i suoi strumenti monetari per far risalire l'inflazione. Necessaria una politica accomodante ancora a lungo".

Posted On Venerdì, 25 Ottobre 2019 10:36
Pagina 3 di 18