Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Giovedì, 05 Dicembre 2019
itenfrdees

Pd Calabria, il nuovo commissario è l'ex senatore Stefano Esposito, ex parlamentare vicino a Matteo Orfini

Posted On Giovedì, 17 Gennaio 2019 08:17
Stefano Esposito e Mario Oliverio Stefano Esposito e Mario Oliverio

Alla fine è uscito dal cilindro il nome del Commissario del Pd calabrese. A svolgere il delicato compito di tentare di ripulire il partito, di svecchiarlo e di determinare le condizioni per un vero rinnovamento è stato chiamato Stefano Esposito, già parlamentare piemontese ed ex assessore della giunta di Roma Capitale ai tempi di Marino Sindaco. Vicinissimo a Matteo Orfini che ha fortemente voluto il commissariamento del Pd calabrese, stanco di tutti i problemi, le magagne ed i conflitti che hanno caratterizzato il Pd di questi ultimi anni.

"La scelta di commissariare- ha dichiarato Matteo Orfini che ben conosce lo squallore del Pd in Calabria - è l'unico strumento per garantire il rispetto delle regole e lo svolgimento del congresso". Al nome di Esposito non si è giunti nell'immediatezza ma anche dopo tanti rifiuti considerato che non è certamente facile fare il commissario in Calabria, terra difficilissima e piena di insidie. Come era prevedibile l'area del Pd vicina al Governatore Oliverio non poteva che prenderla malissimo.

Infatti gli oliveriani sperano in un forte intervento di Nicola Zingaretti, candidato alla segreteria nazionale sperando che in cambio dei voti al congresso lo stesso Zingaretti possa azzerare la decisione del commissariamento. Ma per molti tale speranza è destinata a rimanere tale. Non sarà una passeggiata per il Commissario venire in Calabria in un momento particolarmente difficile per i gerarchi del Pd calabrese e, soprattutto, in piena campagna elettorale per le regionali.

E non è detto che il neo commissario lavorerà per confermare l'autocandidatura del Governatore Mario Oliverio. A tal punto potrebbe accadere di tutto. E, come sempre, la guerra all'interno del Pd continua arricchendosi di nuovi colpi di scena mentre il partito continua a perdere consensi e credibilità, ma questo ai gerarchi non interessa. L'importante è rimanere al potere, costi quel che costi. Anche se dopo di loro vi sarà il diluvio o la sparizione del Pd, tanto a loro interessa solo la poltrona, figuriamoci cosa possa interessargli del futuro del Pd.

Redazione

 

 

 

Rubriche

News dalla Calabria