Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Lunedì, 27 Gennaio 2020
itenfrdees

Paolo Spinelli e Simona De Maria alla conduzione della nuova trasmissione in onda su radio Ciroma: “Should i stay or should i go?!” 

Posted On Lunedì, 13 Gennaio 2020 08:50
Simona De Maria e Paolo Spinelli Simona De Maria e Paolo Spinelli

“Should i stay or should i go?!” è la nuova trasmissione in onda su radio Ciroma condotta dall’attore Paolo Spinelli e dalla giornalista Simona De Maria che partirà venerdì prossimo dalle 19,30 alle 20,30. Sulle frequenze 105.7 fm si parlerà dei viaggi, non solo fisici, di chi ha deciso di lasciare la propria terra per altre latitudini e di chi, invece, decidendo di rimanere, ha intrapreso comunque altre strade da percorrere. Attraverso interviste in diretta ed ospiti in studio i due conduttori affronteranno con leggerezza il tema delle migrazioni, delle rotte al contrario, dei ritorni e dei ripensamenti.

Punto nodale sarà la città dei bruzi da cui tutto comincia o in cui si decide di stabilirsi o allontanarsi. Si darà voce, dunque, alle cosentine e ai cosentini - di nascita e di adozione - e alle loro scelte di vita e a tutti sarà posta la domanda: “Should i stay or should i go?”. Per intervenire e raccontare la propria storia si può scrivere alla mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure chiamare al numero 0984 28250.

“La trasmissione - si legge in una nota - è fatta da chi vive o ha vissuto nella nostra città: ogni settimana ascolteremo i progetti e le aspirazioni di chi transita o ha transitato a queste latitudini. Si incroceranno le storie di scrittori, musicisti, ambulanti, cuochi, insegnanti, operai, studenti e insegnanti, poeti e artisti di strada. A microfoni aperti -così come dovrebbe essere in ogni angolo del mondo- daremo voce a quel pluralismo che non distingue per cultura, età, genere, lingua, religione, ma è aperto e vede nelle differenze la vera ricchezza del capitale umano”.

 

 

 

News dalla Calabria