Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Lunedì, 21 Settembre 2020
itenfrdees

Lega Calabria, continua la raccolta firme contro la fallimentare gestione del Commissario, On. Cristian Invernizzi

Posted On Lunedì, 30 Dicembre 2019 13:55
Cristian Invernizzi Cristian Invernizzi

Continuano a giungere adesioni da tutta la Calabria al documento nel quale si richiedono le dimissioni del Commissario calabrese della Lega bergamasco, l'On. Cristian Invernizzi, per la sua evidente gestione fallimentare del partito.

Il documento che sarà inviato al segretario nazionale, Matteo Salvini, quando avrà raggiunto centinaia e centinaia di firme, obiettivo raggiugibilissimo, è stato già sottoscritto da amministratori comunali, tesserati e simpatizzanti della Lega in Calabria e soprattutto da coloro i quali hanno aderito in tempi non sospetti, quando nessuno voleva sentir parlare della Lega fra i quali tanti opportunisti che fino a qualche tempo fa sbraitavano contro la Lega e che negli ultimi mesi ed alcuni, negli ultimi giorni si sono convertiti al leghismo per salire sul carro del vincitore e per ottenere la candidatura alle regionali, onde utilizzare la Lega quale Autobus per arrivare alla Cittadella.

Ed il Commissario Invernizzi non ha esitato a premiare trasformisti e personaggi in cerca d'autore. Addirittura circola voce che alcuni candidati avevano anche firmato la candidatura con l'Udc, qualora la Lega con la scelta fatta da Invernizzi non li avesse candidati. Anche Claudio Falchi, già segretario della lega di Riace, ha aderito al documento di sfiducia a Cristian Invernizzi che in due giorni ha già raggiunto oltre ottanta adesioni. Continua, quindi, la raccolta delle firme contro la gestione poco democratica del commissario regionale ed il fronte della protesta sembra destinato ad allargarsi sempre più sin dalle prossime ore.


Redazione

 

News dalla Calabria