Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Sabato, 22 Febbraio 2020
itenfrdees

Regionali 2020 - Pippo Callipo, Jole Santelli, Francesco Aiello e Carlo Tansi si sfidano per la conquista della Cittadella

Posted On Sabato, 28 Dicembre 2019 14:56

Tutti ai nastri di partenza, alla fine, dopo la chiusura della presentazione delle liste, alle 12.00 di oggi, i quattro contendenti sono pronti a sfidarsi per la conquista della cittadella regionale di Germaneto. Pippo Callipo, imprenditore, per il centrosinistra con sei liste, Jole Santelli, deputato, per il centrodestra con sei liste, Francesco Aiello, docente Unical, per il Movimento 5 Stelle, con due liste e Carlo Tansi, geologo, candidato civico, con tre liste. Molti i candidati dell'ultimo minuto in tutte le liste con passaggi clamorosi dal centrodestra al centrosinistra o con candidati in partiti dove non hanno militato neanche un solo giorno.

Tanti i transumanti, politici professionisti, che eletti nel 2014 con le liste di Mario Oliverio, oggi sono nelle liste con Jole Santelli. Clamorose anche alcuni veti come quello imposto la consigliere regionale Orlandino Greco rimasto fuori dall'agone politico nonostante il suo movimento, l'Italia del Meridione, sia ben radicato sul territorio. Parte, quindi, questa campagna elettorale in pieno inverno che si concluderà con il voto del 26 gennaio dopo una travagliatissima vigilia caratterizzata dal veto di Matteo Salvini imposto ai fratelli Mario e Roberto Occhiuto e dopo la decisione in extremis di Mario Oliverio, Governatore uscente, di non rinunciare alla candidatura.

Parte una campagna elettorale difficile dove, osservando le liste, il desiderio di rinnovamento rimane solo sulla carta e dove a vincere saranno sempre i soliti. Alla fine in Calabria non cambierà mai nulla ed anche i partiti presenti per la prima volta nell'agone politico regionale, come la Lega, hanno preferito far salire sul carro i soliti trasformisti e abbandonare chi vi ha creduto dall'inizio. Anche la Lega si è adeguata alla "calabresità" della politica quale strumento di carriera personale e non di impegno per la Calabria ed i calabresi.


Gianfranco Bonofiglio

 

News dalla Calabria