Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 31 Maggio 2020
itenfrdees

Se non esprimi le tue emozioni rischi di distruggere il tuo sistema immunitario

Posted On Domenica, 10 Maggio 2020 00:00

Ci sono persone che faticano a esprimere le emozioni, o meglio che le reprimono completamente. Si tratta di un vero e proprio disturbo che prende il nome di alessitimia, una condizione di ridotta consapevolezza emotiva, che causa l’incapacità di riconoscere e descrivere le proprie emozioni e quelle degli altri. Ebbene, in generale la poca familiarità con la propria emotività, secondo il campo della psiconeuroimmunologia (PNI), può avere ripercussioni negative a livello immunitario, con conseguenze per la nostra salute.

Spesso si sente affermare che le emozioni influenzano più di quanto ci aspettiamo il corpo e il campo della PNI lo sta dimostrando, rilevando relazioni interessanti tra stress, emozioni, sentimenti positivi e funzione immunitaria, malattia e mortalità. Attraverso gli studi condotti finora, i ricercatori si sono accorti che le persone esposte a più stress subiscono cambiamenti nel sistema immunitario. Nei soggetti esaminati, la sua risposta diminuiva infatti di circa il 15% e ancora di più in situazioni ulteriormente stressanti, sfociando frequentemente in malattie come raffreddori, herpes e via dicendo.

Ma che c’entra lo stress con l’espressione delle emozioni? C’entra perché esso può derivare, fra le altre cose, proprio dall’incapacità di ascoltare le emozioni ed esprimere i propri sentimenti, positivi o negativi che siano. I ricercatori hanno anche compreso che le cellule del sistema immunitario rilasciano fluidi chiamati citochine, dei messaggeri che permettono alle cellule di comunicare tra loro, inviando istruzioni per sviluppare più cellule per combattere le infezioni. Ma quando ci sono di mezzo gli ormoni dello stress, questi ultimi inibiscono la produzione di citochine, vanificando la capacità del corpo di combattere le infezioni in modo efficace.

Se invece gli stati d’animo sono positivi c’è un aumento della risposta immunitaria e anche avere delle buone relazioni sociali, o almeno una persona in cui confidare, aiuta il sistema immunitario e aumenta le aspettative di vita. Diversa la situazione per chi ha un atteggiamento ostile ovvero di aperta aggressività, con frequenti scoppi di rabbia e cinica diffidenza, che subentra quando ci si trattiene per troppo tempo anche a livello emotivo.

Queste persone tendono infatti ad avere maggiori probabilità di sviluppare attacchi di cuore, ipertensione, altre malattie cardiovascolari, ictus e cancro. In definitiva, le emozioni probabilmente influiscono sulla nostra salute molto più di quanto crediamo e nei prossimi decenni è probabile che sempre più studi lo dimostrino concretamente. Meglio ascoltarle!

 

 

News dalla Calabria